Pannelli radianti | Edilone.it

Pannelli radianti

wpid-16837_pannelliradianti.jpg
image_pdf

Ad uno dei principali impieghi di energia delle famiglie in casa, quello del riscaldamento, dedichiamo un approfondimento su una delle possibilità per gestirlo meglio e risparmiare fino al 20-30% in bolletta. Ci riferiamo ai pannelli radianti, ovvero a quegli impianti di riscaldamento basati sui pannelli radianti a parete e a pavimento che forniscono un medesimo comfort interno a bassi consumi d’energia. Il calore, che proviene per irraggiamento dal pavimento o dalle pareti, si propaga soprattutto entro i due metri di altezza, proprio dove serve. La caldaia lavora in tal modo ad un minore impiego di energia pur garantendo lo stesso livello di comfort.

I tentativi condotti nel dopoguerra, di riscaldare gli ambienti domestici facendo passare tubi d’acqua calda sotto il pavimento, erano stati abbandonati per la loro grande inerzia termica: occorreva troppo tempo per portare il pavimento alla temperatura desiderata e questo poi rimaneva caldo anche quando non era più necessario, come di notte. I materiali disponibili attualmente, molto più leggeri e dotati di tempi di risposta piuttosto rapidi, hanno consentito questo sistema di impianto per riscaldamento/raffreddamento con pannelli radianti ed il conseguente significativo risparmio energetico

Il riscaldamento dell’ambiente interno è uniforme grazie all’irraggiamento dal basso con la temperatura dell’acqua richiesta nell’impianto di soli 30-40° rispetto ai 70-80° necessari in un tradizionale impianto di riscaldamento. I pannelli radianti, oltre a sostituire del tutto i vecchi termosifoni (con vantaggi anche di tipo arredativo) apportano anche altri vantaggi attinenti al risparmio di energia ed all’aria secca.

L’intero impianto ha uno spessore compreso tra i 5 e i 10 centimetri, secondo i modelli. I pannelli possono essere accoppiati con una caldaia tradizionale, ma naturalmente è preferibile associarlo con pannelli solari termici oppure con una pompa di calore (possibilità di riscaldare e raffreddare).

L’utilizzo dei pannelli radianti nel pavimento, o anche nelle pareti, ne consente, con opportune modifiche, anche l’uso di impianto di refrigerazione estivo della casa. La circolazione di acqua fredda nei tubi permette di avere una temperatura di circa 18° sul pavimento. Il pavimento freddo funziona come un “pozzo” per l’energia radiante che proviene dal soffitto e dalle pareti riscaldate dal sole. In questo modo è possibile raggiungere nell’ambiente una tempeartura di 26°C senza correnti di aria fredda. Occorre tuttavia utilizzare anche un deumidificatore per evitare la condensazione dell’umidità. Anche qui, il vantaggio, rispetto all’alternativo sistema di condizionamento dell’aria, è quello di non occupare spazi e non porre vincoli al proprio arredamento come nel caso dei condizionatori d’aria o dei ventilatori a soffitto.

Copyright © - Riproduzione riservata
Pannelli radianti Edilone.it