L’isola che produce energia nel Mare del Nord | Edilone.it

L’isola che produce energia nel Mare del Nord

wpid-16634_274_iediloneimpianti.jpg
image_pdf

Una centrale idroelettrica nel Mare del Nord capace di generare abbastanza energia per alimentare due milioni di case. È il progetto previsto dalla multinazionale olandese Kema (abbreviazione di Keuring Electrotechnisch Materieel Arnhem) del costo previsto di 3 miliardi di euro.

Si tratta di costruire un’isola al largo delle coste olandesi (circa 30 chilometri) su un fondale di 20 metri al cui centro verrebbe scavato un lago a 40 metri sotto il livello del mare. L’acqua viene in pratica fatta fluire in questo lago, come in alcune dighe terrestri, di cui gli olandesi sono maestri, alimentando delle turbine e fatta rifluire in mare tramite pompe in caso di eccedenza. Questa centrale idroelettrica da 1.500 MW farebbe da ”riserva di sicurezza” nel caso che gli aerogeneratori si fermassero per mancanza di vento e fornirebbe, inoltre, elettricità nei casi di richiesta di picco.

Il progetto prevede la costruzione di enormi dighe per trattenere le acque del mare, scavando il centro dell’isola fino a 40 m sotto il livello del mare. Enormi argini artificiali sarebbero costruiti in modo da trattenere il mare e il centro dell’isola verrebbe scavato fino a 40 metri (130ft) sotto il livello del mare. Attraverso gli argini delle tubature porterebbero l’acqua all’interno, generando elettricità al pari di una diga, per poi essere nuovamente pompata all’esterno.

Copyright © - Riproduzione riservata
L’isola che produce energia nel Mare del Nord Edilone.it