In Russia la prima centrale nucleare galleggiante | Edilone.it

In Russia la prima centrale nucleare galleggiante

wpid-281_impiantiedil.jpg
image_pdf

Si farà lungo le coste più  a nord della Russia la prima centrale nucleare galleggiante. Sarà  costruita e nelle acque di San Pietroburgo, sul Mar Baltico con il nome Akademik Lomonosov dal famoso studioso e scienziato russo (1711-1765).

Entro il 2015 saranno 7 le navi costruite con a bordo due reattori nucleari KLT-40 capaci di fornire 70 Megawatt di elettricità sufficiente per alimentare una città di 200 mila abitanti, ma secondo il progetto sarà possibile installare altri tipi di reattori fino alla potenza di 325 Megawatt.

La nuova flotta sarà utilizzata soprattutto nel mare Artico russo e cinque unità saranno impiegate da Gazprom per alimentare le basi offshore per l’estrazione di gas e petrolio ma anche in diverse località: dalla penisola Kamchatka a zone della Repubblica Sakha secondo un accordo concluso da Rosatom, la società nucleare di Stato russa.

Il costo del progetto è stimato a 200 milioni dollari, ma sarà recuperato in sette anni e avrà  una durata di vita prevista di 38 anni. Ma dopo il primo gli altri impianti saranno meno costosi e più rapidi da costruire.

I vantaggi sono molti: la costruzione è del tutto interrata e viene installata già completa, grazie alla  struttura modulare e lo  stoccaggio interno delle scorie per almeno 60 anni. Inoltre, essendo la potenza ridotta, non richiede la collocazione su grandi corsi d’acqua.

Copyright © - Riproduzione riservata
In Russia la prima centrale nucleare galleggiante Edilone.it