Impianto toscano sperimenta lo stoccaggio di CO2 | Edilone.it

Impianto toscano sperimenta lo stoccaggio di CO2

wpid-16695_stoccaggio_co2.jpg
image_pdf

Parte dalla Toscana il primo progetto pilota in Italia per la cattura e lo stoccaggio dell’anidride carbonica ad una profondità tra i 500 ed i 1000 metri di profondità. Sarà la società ‘Massa’ a portare avanti il progetto.

La società ‘Massa’, con sedi a Firenze e Pisa, è nata da uno ‘spin-off’ realizzato in collaborazione tra Cnr di Pisa, università degli Studi di Firenze e alcuni partner industriali.

Secondo il comunicato stampa lo scopo principale del progetto è quello di verificare la possibilità di stoccaggio nel sottosuolo italiano di anidride carbonica e, in questo senso, primo passo dello studio sarà l’avvio di una ricognizione con cui individuare le aree geologiche adatte ad ospitare questo tipo di interventi. Massa lavora sulla scia di esperienze che si stanno diffondendo su scala internazionale.

Le emissioni di gas serra sono infatti ad oggi uno dei maggiori problemi ambientali che la comunità scientifica e le autorità politiche si trovino ad affrontare.

 

 

Copyright © - Riproduzione riservata
Impianto toscano sperimenta lo stoccaggio di CO2 Edilone.it