Il bonus macchinari 2015 include anche i pezzi di ricambio | Edilone.it

Il bonus macchinari 2015 include anche i pezzi di ricambio

Lo spiega Assonime: nel bonus macchinari 2015 sono inclusi gli acquisti sotto la soglia di 10.000 euro anche effettuati in momenti diversi e i pezzi di ricambio

wpid-26568_bonusmacchinari.jpg
image_pdf

Assonime, nella Circolare n. 9 del 2 aprile 2015, analizza, anche alla luce delle indicazioni fornite dall’Agenzia delle Entrate n. 5/E/2015, gli aspetti di maggior rilievo del credito d’imposta 2015 per gli investimenti in beni strumentali nuovi, chiarendo alcuni problemi rimasti ancora aperti.

Uno dei temi che determina i maggiori problemi per gli operatori riguarda proprio l’individuazione dei beni che possono essere oggetto di bonus fiscale.

Il Decreto Competitività (D.L. n. 91/2014) afferma che il credito di imposta descritto nella divisione 28 della tabella ATECO 2007 scaricare qui si applica solo agli acquisti di impianti e macchinari  nuovi.

L’art. 18 del Decreto dispone che, per poter usufruire del bonus, l’acquisto deve riguardare un macchinario nuovo e soprattutto non deve avere un valore unitario inferiore a 10.000 euro. Assonime interviene per fare chiarezza su questioni rimaste aperte, legate agli acquisti al di sotto della soglia di 10.000 euro o agli acquisti effettuati in momenti diversi ed infine agli acquisti dei pezzi di ricambio.

Vuoi saperne di più?

Leggi su Ingegneri.info

Copyright © - Riproduzione riservata
Il bonus macchinari 2015 include anche i pezzi di ricambio Edilone.it