Gse, le rinnovabili elettriche al 27% del consumo interno lordo nel 2012

wpid-17864_fotovoltaico.jpg

Nel 2012 in Italia la produzione elettrica da fonti rinnovabili ha raggiunto il 27,1% del consumo interno lordo nazionale, un dato in aumento rispetto all’anno precedente, quando lo stesso consumo si fermava al 24%. A sottolinearlo è il Gse, Gestore servizi energetici, che ha pubblicato i dati statistici definitivi relativi agli impianti a rinnovabili per l’annata 2012.

In termini di potenza efficiente lorda, gli impianti a fonti rinnovabili complessivamente forniscono 47.345 MW, quasi 6 mila MW in più rispetto al 2011 (41.399). A parte la fonte idraulica, che si mantiene sostanzialmente stabile con 18.232 MW, contro i 18.092 MW del 2011, tutte le altre fonti sono in crescita: il solare passa da 12.773 MW a 16.420 MW, l’eolico da 6.936 MW a 8.119 MW. Anche le bioenergie, ovvero biomasse solide, biogas e bioliquidiche, che nelle ultime due annate avevano registrato aumenti piuttosto contenuti, registrano un piccolo boom di potenza, passando da 2.825 MW a 3.802 MW. Ancora invariata, dal 2010, la potenza del geotermico: 772 MW.

In termini di produzione lorda, gli impianti a fonti rinnovabili passano da 82.961 Gwh del 2011 a 92.222 Gwh nel 2012. Di questi, 18.862 Gwh provengono dal solare, 13.407 Gwh dall’eolico e 12.487 Gwh dalle bioenergie, tutti in aumento. Cala invece la produzione lorda dell’idraulica, passando da 45.823 Gwh a 41.875 Gwh. Ancora stabile il geotermico: 5.592 Gwh complessivi nel 2012.

Copyright © - Riproduzione riservata