Fotovoltaico anche sull’acqua | Edilone.it

Fotovoltaico anche sull’acqua

wpid-16641_266_impianti.jpg
image_pdf

Nato dalla collaborazione tra gli studi di progettazione di Daiet e del Consorzio di Bonifica della Romagna Occidentale nell’ambito dell’iniziativa “Loto Progetto Energia” varato da ANBI (Associazione Nazionale Bonifiche, Irrigazioni e Miglioramenti Fondiari), il primo impianto fotovoltaico galleggiante sull’acqua si trova a Solarolo, in provincia di Ravenna, ed è una struttura galleggiante con dimensione di circa 25 metri di diametro e una potenza di picco di 19,98 kWp.

Sulla struttura galleggiante, progettata con elementi testati già da anni in ambiente marino per la realizzazione di ponti mobili, si può installare qualsiasi tipologia di modulo fotovoltaico. Il sistema, oggetto di brevetto dedicato, è progettato per evitare che il movimento ondoso dell’acqua provochi la rottura dei vetri a protezione delle celle fotovoltaiche.

Le correnti d’acqua presenti hanno infatti reso necessario ancorare in più punti della terraferma la struttura; le connessioni elettriche sono state vulcanizzate e integrate in tubazioni in pvc che rendono il sistema completamente stagno.

Il primo impianto fotovoltaico galleggiante è stato realizzato in California presso l’azienda vinicola “Far Niente Winery”, per l’occasione ribattezzato “Floatovoltaic” un gioco di parole fra “floating” (galleggiante) e “photovoltaic”. Per evitare di sacrificare una superficie di vigneto di elevato pregio, pensarono di utilizzare la superficie del laghetto di irrigazione dell’azienda installandovi un impianto da 1000 pannelli, più altri 1300 pannelli a terra per una potenza da 400 kWp che avrebbe azzerato la bolletta energetica dell’azienda.

Copyright © - Riproduzione riservata
Fotovoltaico anche sull’acqua Edilone.it