Efficienza energetica: accordo sulla direttiva Ue | Edilone.it

Efficienza energetica: accordo sulla direttiva Ue

wpid-393_eff.jpg
image_pdf

Un accordo difficile, stretto tra l’ambizione del Parlamento, che puntava a strappare obiettivi obbligatori agli Stati europei, e la reticenza dei governi ad assumere impegni vincolanti in tempi di crisi e di contenimento della spesa pubblica. Può essere così riassunto l’anno di negoziati in materia di efficienza energetica che ha portato, nei giorni scorsi, all’accordo provvisorio tra Parlamento e Consiglio dell’Ue.

La direttiva non prevede obiettivi vincolanti per gli Stati membri, ma introduce una serie di misure obbligatorie per il miglioramento dell’efficienza energetica del 20% al 2020.

In particolare le amministrazioni pubbliche dovranno darsi da fare: l’accordo prevede una serie di obblighi per la riqualificazione energetica degli edifici pubblici, che dovranno essere ristrutturati a un ritmo del 3% annuo della superficie totale.

Il testo chiede inoltre alle imprese energetiche di diminuire i consumi nella vendita annuale di energia ai clienti finali di almeno l’1,5% annuo dal 2014 al 2020. L’ Unione europea invita inoltre gli stati membri a impegnarsi per una maggiore diffusione delle tecnologie efficienti, come i contatori intelligenti, la cogenerazione ad alto rendimento e il teleriscaldamento,

“Non ci saranno obiettivi vincolanti per gli Stati membri – ha spiegato Amalia Sartori, presidente della Commissione Industria -,  ma un’applicazione più rigorosa delle misure considerate necessarie per indurre a maggiori risparmi energetici i produttori, i distributori e i consumatori di energia”. Anche se il testo forse non corrisponde a quanto il Parlamento si attendeva, “abbiamo comunque trovato l’accordo anche su una clausola di revisione più restrittiva che permetterà di monitorare i progressi che gli Stati membri faranno e, se necessario, intervenire entro il 2016 rafforzando le disposizioni per ottenere tali progressi – ha concluso Sartori –“.

L’approvazione della direttiva in plenaria è attesa per settembre, poi toccherà ai singoli Stati adottarla rapidamente. 

Copyright © - Riproduzione riservata
Efficienza energetica: accordo sulla direttiva Ue Edilone.it