Eco-energia: impianti eolici galleggianti negli oceani | Edilone.it

Eco-energia: impianti eolici galleggianti negli oceani

wpid-eolico_marino.jpg
image_pdf

La forza dei venti che soffiano sugli oceani può essere convogliata nella generazione di energia pulita. Per rendere operativa questa possibilità, i ricercatori della Nasa hanno creato delle mappe che rivelano quali aree oceaniche potrebbero essere maggiormente sfruttate.

I dati raccolti dal satellite Quickscat, lanciato nel 1999 – capace di registrare la velocità, la direzione e la forza dei venti in prossimità della superficie degli oceani – vengono utilizzati anche per prevedere tempeste e per migliorare l’accuratezza delle previsioni meteo.

Per gli esperti del Jet Propulsion Laboratory della Nasa a Pasadena, questa fonte di energia eolica, potrà fornire il 10-15% del fabbisogno energetico mondiale. Se le aree oceaniche battute dai venti più forti venissero dotate di impianti eolici, ricordano gli esperti Nasa, potrebbero generare 500-800 watt per metro quadrato. Le nuove mappe potrebbero quindi essere usate per pianificare la costruzione di impianti eolici galleggianti. Secondo i ricercatori della Nasa, infatti, le nuove tecnologie rendono già possibile la costruzione di impianti in mare aperto, dotati anche di un impatto ambientale inferiore rispetto a quelli costruiti sulla terraferma.

Copyright © - Riproduzione riservata
Eco-energia: impianti eolici galleggianti negli oceani Edilone.it