Cogenerazione: gli approfondimenti del GSE | Edilone.it

Cogenerazione: gli approfondimenti del GSE

wpid-16740_cogeneratore.jpg
image_pdf

Grazie ad un’apposita sezione dedicata dal Gestore dei servizi elettrici (Gse) nel proprio sito, è possibile reperire maggiori informazioni sulla cogenerazione. Dopo l’approvazione da parte del ministero dello sviluppo economico delle procedure tecniche sul rilascio delle garanzie d’origine dell’elettricità prodotta da cogenerazione ad alto rendimento, il Gse provvede a pubblicare nel proprio sito anche la procedura per richiedere il riconoscimento del funzionamento in cogenerazione ad alto rendimento degli impianti che, fino al 31 dicembre 2010, coincidono con la definizione fornita dalla Delibera 42/02 stabilita dall’Autorità per l’energia elettrica e il gas (Aeeg).

Secondo tale disposizione, la cogenerazione è la produzione combinata di energia elettrica e calore che garantisce un significativo risparmio rispetto alla produzione separata. In generale le centrali termiche per la produzione di energia elettrica hanno una bassa efficienza energetica perché trasformano in energia elettrica solo una parte dell’energia termica contenuta nei combustibili fossili e disperdendo la rimanenza nell’ambiente. Ma tale residuo può essere benissimo utilizzato sotto forma di calore dallo stesso impianto o per usi civili come il riscaldamento.

Gli impianti di produzione combinata fanno proprio questo: convertono energia primaria, di una qualsiasi fonte, in energia elettrica e in energia termica (calore) e le utilizzano. Però é bene porre l’accento sul fatto che le due dizioni “produzione combinata” e “cogenerazione” non sono equivalenti. La normativa vigente in Italia stabilisce che un impianto di produzione combinata può essere considerato impianto di cogenerazione soltanto se soddisfa determinati requisiti qualitativi.

Il Decreto legislativo n. 79/99, infatti, ha dato mandato all’Aeeg di definire a quali condizioni la produzione combinata di energia elettrica e calore può chiamarsi cogenerazione e godere dei relativi benefici di legge. Quindi con la Delibera n. 42/02 ha stabilito che un impianto produce con caratteristiche di cogenerazione quando alcune grandezze caratteristiche del proprio funzionamento, quali il suo Indice di risparmio energetico (Ire) ed il suo Limite termico (Lt), sono rispettivamente maggiori di due valori limite fissati nella delibera stessa.

Al fine di facilitare il calcolo degli indici Ire ed Lt, il Gse ha predisposto (a titolo puramente esemplificativo e non esaustivo) uno specifico documento contenente alcuni esempi esplicativi di calcolo degli indici per diverse configurazioni di impianti di produzione combinata di energia elettrica e calore.

Per altre informazioni, consultare la pagina web:
http://www.grtn.it/

Copyright © - Riproduzione riservata
Cogenerazione: gli approfondimenti del GSE Edilone.it