Centrali nucleari entro il 2013 | Edilone.it

Centrali nucleari entro il 2013

wpid-16624_284_nucleare.jpg
image_pdf

È stato siglato fra Italia e Russia un accordo per approfondire la ricerca sulla fusione nucleare. Il progetto Egnitor prevede un programma comune per la ricerca su questa tecnologia.

“L’energia nucleare potrà essere creata per fusione e non più per scissione”, riferisce il premier Silvio Berlusconi ribadendo la propria soddisfazione e il proprio apprezzamento di fronte a un progetto che potrà cambiare gli scenari per la produzione di energia per le nuove generazioni. Questa tecnologia, infatti, produce una quantità minima di scorie, con un impatto sull’ambiente decisamente inferiore rispetto alle centrali tradizionali.

Il presidente inoltre conferma che, i lavori per la realizzazione della prima centrale nucleare in Italia prenderanno il “via entro la legislatura, cioè entro il 2013”. Berlusconi ha ribadito che dal suo punto di vista “il nucleare è una fonte di energia a cui nessun paese può rinunciare. Noi eravamo all’avanguardia, tanto che nel ’67 avevamo ben 3 centrali funzionanti, ma poi sotto la spinta degli ecologisti estremi abbiamo dovuto rinunciare. Oggi non e’ possibile restare fuori da questa opportunità”.

Il problema più concreto, ha detto Berlusconi, è che “oggi i cittadini italiani a sentir parlare di centrali si terrorizzano. Sono in molti – ha precisato Berlusconi – a volere l’energia nucleare, ma nessuno dice sì a una nuova centrale nella propria provincia”. Ed è per questo, ha annunciato ancora Berlusconi, che serve “un vasta opera di convincimento” che va promossa “guardando alla situazione francese”.

“Quando si realizzano nuove centrali, i francesi fanno a gara per averla a casa loro, perché i lavori per le centrali portano tanto, tanto lavoro”. Ecco perché, ha concluso il premier, “stiamo lavorando a un progetto per raccogliere le esperienze dei cittadini francesi e portarle qui da noi”.

Copyright © - Riproduzione riservata
Centrali nucleari entro il 2013 Edilone.it