Australia: energia dalle onde marine | Edilone.it

Australia: energia dalle onde marine

wpid-16807_TurbinaOnde.jpg
image_pdf

A 100 metri dalla costa a sud di Sydney, una centrale galleggiante converte il moto ondoso in elettricità, oltre a produrre acqua potabile. L’impianto detto Wave Energy Generator ed istallato presso Wollongong, a sud di Sydney, del peso di 485 tonnellate ed un costo pari a 3milioni di euro, è stato progettato e sarà operato dalla compagnia di energia rinnovabile Energetech, che ha recentemente completato i collaudi. Fra poche settimane la centrale sarà in grado di cominciare a pompare nella rete metropolitana la prima elettricità di fonte marina, imbrigliata dalle onde attraverso un colossale imbuto.

Lo schema di produzione dell’energia prevede che, quando un’onda dell’oceano si infrange sull’imbuto, spinge una colonna d’aria che aziona una turbina, che a sua volta produce elettricità e la immette nella rete. La turbina utilizza una nuova tecnologia che le permette di girare sempre nella stessa direzione, qualunque sia la direzione del vento nel tunnel. L’impianto, con un potenziale di 500kW di energia al giorno, potrà alimentare 500 case. Opererà, come suddetto, anche come desalinizzatore, capace di produrre fino a 2000 litri di acqua potabile al giorno, sufficiente per l’erogazione a più di 470 abitazioni.

Il direttore finanziario della Energetech, John Bell, ha dichiarato in una conferenza stampa del 1 marzo 2007, che la centrale galleggiante é stata ancorata presso il porto di Port Kembla poco prima di Natale, ed ora sono stati definiti con la locale azienda elettrica i collegamenti alla rete di distribuzione. Il sistema sarà pienamente operativo entro fine marzo. “L’energia delle onde è la più densa fra le risorse naturali di energia. È sempre lì e non va e viene come il sole e il vento”, ha detto Bell.

Un impianto simile ma di maggiori dimensioni, con dieci stazioni galleggianti, è già in costruzione al largo di Portland, a ovest di Melbourne, dove le onde sono particolarmente forti, ha aggiunto. Manifestazioni di interesse a costruire simili impianti sono già pervenute dalle Hawaii e da Spagna, Sudafrica, Messico, Cile, e dalle due coste degli Stati Uniti.

Non mancano installazioni analoghe, basate sulla creazione dell’energia dalle onde marine e sul moto ondoso, in altre parti del mondo, alcune delle quali vedono anche la partecipazione di aziende italiane.

Per altre informazioni sulla ricerca nel settore, consultare il sito:
http://www.joulecentre.org/

Copyright © - Riproduzione riservata
Australia: energia dalle onde marine Edilone.it