Immobiliare: prezzi in calo nel 2008 | Edilone.it

Immobiliare: prezzi in calo nel 2008

wpid-Immobili9.jpg
image_pdf

Secondo i primi dati dell’ufficio studi di Gabetti, il 2008 sarà un anno difficile per il settore immobiliare italiano, per il quale si prevede una flessione dei prezzi dell’1% e una diminuzione delle compravendite dell’ordine del 3,5%. Saranno le grandi città come Roma e Milano a palesare maggiormente la contrazione, con un calo dei prezzi stimato intorno al 2% ed una riduzione delle compravendite dell’8%. Si difenderanno invece le città medie e piccole e i luoghi di villeggiatura dove i prezzi sono attesi in discesa dell’1%.

L’ufficio studi Gabetti rileva come le difficoltà del mercato immobiliare sembrino destinate a perdurare anche quest’anno: “Si salveranno solo i quartieri interessati da interventi rilevanti di riqualificazione urbanistica – argomenta il direttore dell’ufficio studi, Guido Lodigiani, in una nota – mentre saranno in maggiore difficoltà le aree in cui già oggi l’offerta risulta in eccesso. Fra le località turistiche, difenderanno meglio il valore degli immobili quelle meglio collegate e più tutelate da un punto di vista ambientale”.

In particolare, lo studio ha approfondito l’analisi del mercato immobiliare di Torino, Verona e Genova di cui ha diffuso i dati. Il capoluogo piemontese si segnala perché i prezzi delle case continueranno a salire, pur di appena l’1%, mentre è attesa una contrazione delle transazioni del 6%. A Verona, invece, saranno in flessione sia i prezzi (-2%) sia le compravendite (-6%). Stesso discorso anche a Genova dove le vendite di immobili sono attese in diminuzione addirittura del 10% con prezzi in calo del 3%).

Copyright © - Riproduzione riservata
Immobiliare: prezzi in calo nel 2008 Edilone.it