Immobiliare: la bufera dei mercati non tocca le case di lusso | Edilone.it

Immobiliare: la bufera dei mercati non tocca le case di lusso

wpid-luxury_house_01.jpg
image_pdf

Prezzi in aumento per il settore delle abitazioni di lusso; in controtendenza alla fase critica del mercato immobiliare, così come nelle caratteristiche del proprio carattere anticiclico. Lo afferma l’ultimo report di Tirelli & Partners stilato sulle residenze esclusive a Roma e a Milano nel primo semestre del 2008, da cui emergono ottimistiche previsioni per l’immediato futuro.

Lo studio condotto da Tirelli rivela che sia nel capoluogo lombardo, sia nella Capitale, le case di lusso hanno goduto nei primi sei mesi del 2008 di un incremento nei valori rispettivamente del 6,2% e del 6,4%.

L’ottimismo espresso dagli esperti nei confronti del positivo andamento del comparto, riflette certamente il carattere minoritario di un settore che non arriva a coprire il 5% delle intere transazioni immobiliari, ma è confortato da una serie di indicatori qualitativi, tutti positivi. Soprattutto a Milano, gli ultimi sei mesi hanno registrato una flessione nei tempi di contrattazione, (in media da otto mesi a sette e mezzo) insieme ad una sensibile riduzione sul divario tra prezzo proposto e quello effettivo, crollato in un semestre dal 3,5% al 2,6%.

La crescita più significativa è stata registrata sul prezzo medio massimo che, lievitando di quasi 800 euro, è arrivato a toccare i 11.717 euro/metri quadrati. Nei valori minimi, una casa di lusso a Milano costa in media 8.150 euro/metri quadrati, ma nei quartieri più esclusivi, come il Quadrilatero della moda, si arriva a valutazioni da 24 mila euro.

Più variegata la situazione presente nella città di Roma, che rispetto al capoluogo lombardo mostra un lieve aumento nei tempi di vendita (cresciuti in media di circa un mese e mezzo), compensati tuttavia dal dimezzamento negli sconti di contrattazione, passati in appena sei mesi dal 16,8% all’8,5%.

Ad essere più vendute sono le abitazioni di fascia più bassa. Il prezzo medio minimo è lievitato infatti del 17,1% attestandosi a 9.833 euro/metri quadrati (contro gli 8.150 della piazza milanese), mentre quello medio massimo ha subito una battuta d’arresto dell’1,6% fermandosi a 11.050 euro. Tuttavia, negli esclusivi quartieri del centro o del Pinciano Veneto si arriva a valutazioni top price che vanno dai 15 ai 18 mila euro per metro quadrato.

Lo studio di Tirelli & Partners presenta anche la lista delle case record, quelle dai prezzi da capogiro. Primo della classifica, nei primi sei mesi del 2008, il superattico di 400 metri quadrati ai Parioli, con piscina termoriscaldata in una terrazza panoramica e scale in stile Impero laminate in oro, per il quale è stato staccato un assegno da 11,5 milioni di euro. L’omologo su Milano è un attico in zona Magenta da 690 metri quadrati venduto per 8,2 milioni di euro.

Copyright © - Riproduzione riservata
Immobiliare: la bufera dei mercati non tocca le case di lusso Edilone.it