Immobiliare 2007: lieve crescita degli scambi con prezzi stabili | Edilone.it

Immobiliare 2007: lieve crescita degli scambi con prezzi stabili

wpid-Immobili7.jpg
image_pdf

Il settore immobiliare attende nel 2007 una domanda ancora abbastanza sostenuta per le abitazioni residenziali. La previsione emerge dalle ultime indagini realizzate dall’ufficio studi di Gabetti Property Solutions, secondo cui il mercato immobiliare ha registrato nel 2006 un ciclo ancora in espansione per quanto riguarda il complesso delle compravendite, diversamente dai prezzi, in fase di stabilizzazione. In sintesi, nel 2006, tra vendite e acquisti, hanno cambiato proprietario 1,9 milioni di abitazioni, con una crescita del 4,8% rispetto all’anno precedente, e in linea con la variazione media annua di oltre il 5% messa a segno dal 2000 ad oggi.

Sul fronte dei prezzi, il 2007 dovrebbe consolidare la suddetta fase di raffreddamento, con probabili eccezioni nelle aree dell’hinterland delle grandi città. Infatti, il mercato residenziale del 2006 ha registrato una rilevante espansione degli scambi nelle città di provincia (+5,5%) e ancor più nell’hinterland metropolitano dove ha segnato un +6,7%.
I prezzi sono risultati genericamente stabili nelle grandi città, ad eccezione di Torino e Genova, dove si sono avuti prezzi in miglioramento. Un analogo trend hanno mostrato le città di media dimensione, con una generale tendenza alla stabilità dei prezzi, mentre negli hinterland metropolitani si è assistito ad una fase di incremento con aumenti medi dell’8,1%.

A proposito di tempi delle transazioni, nel 2006 si sono allungati quelli per arrivare alla conclusione della trattativa per l’acquisto della casa (superiore a 4 mesi) in tutti i settori delle grandi città; in lieve riduzione la differenza tra il prezzo di richiesta iniziale e quello finale, pari all’11,6% per le grandi città e al 9,5% per quelle medie.

Tornando alle transazioni, per l’anno in corso si prevede una loro ulteriore espansione del 3,9%, anche se il residenziale, principale segmento del settore, potrebbe rallentare la propria crescita al 2,2%.

L’andamento tendenziale dell’immobiliare, prospettato per il 2007, si pensa possa registrare una concentrazione della domanda soprattutto nei segmenti di fascia alta e di fascia bassa, fermo restando la dinamica dei prezzi. Qualche incremento di valore potrà sorgere per le abitazioni di nuova costruzione, soprattutto nelle aree extraurbane.

Nessuna significativa variazione è stata registrata nel mercato degli affitti. Sempre molto vivace il mercato della compravendita dei box (+5,8%), con prezzi in continua crescita, sino ad arrivare ad un massimo di 200.000 euro per un garage “di pregio” nel centro di Roma. Buone prospettive, infine, per le “seconde case“, sia al mare che nei piccoli comuni dell’interno.

Copyright © - Riproduzione riservata
Immobiliare 2007: lieve crescita degli scambi con prezzi stabili Edilone.it