Il 5° Guggenheim ad Abu Dhabi entro il 2012 | Edilone.it

Il 5° Guggenheim ad Abu Dhabi entro il 2012

wpid-AbuDhabi.jpg
image_pdf

Il mega progetto per il distretto culturale di Abu Dhabi, Emirati Arabi (annunciato nel luglio 2007) è stato ufficialmente presentato nei giorni scorsi nella città ed è quindi certa la sua realizzazione nell’isola di Saadiyat.

La costruzione del lussuoso distretto con cui Abu Dhabi vuol sbalordire e far divagare i suoi 700 mila abitanti con lo shopping di arte e cultura, dovrà essere ultimato entro il 2018 per ospitare eventi culturali in grande stile in grado di accogliere fino a 150mila persone.

All’interno di esso, il primo obiettivo è rappresentato dal nuovo museo Guggenheim dalle fattezze futuristiche: il ‘Guggenheim Abu Dhabi‘, affidato all’architetto americano Frank Gehry, (già autore del Guggenheim di Bilbao), sarà inaugurato entro il 2012 e sarà il più grande degli attuali quattro della Fondazione. Del progetto di Saadiyat ( che tradotto significa Isola della Felicità), isola destinata ad essere sviluppata in chiave prettamente turistico-residenziale, è ancora dubbia la realizzazione del Louvre arabo, che dovrebbe portare la firma dell’architetto francese Jean Nouvel, mentre è stato confermato quello a firma Zaha Hadid per il nuovo Performing Arts Center l’avveniristico edificio alto 62 metri concepito quale sede di una pluralità di teatri e sale con destinazioni d’uso diverse oltre ad un’Accademia per le arti dello spettacolo, anch’esso promosso dalla Solomon R. Guggenheim Foundation per conto della Tourism Development and Investment Company di Abu Dhabi (TDIC).

Il ‘Guggenheim Abu Dhabi‘ sarà un museo immerso nel verde, circondato di campi da golf e alberghi di lusso. Una volta realizzato, esteso su una superficie di 30.000 mq, esso sarà, non solo il più grande museo della regione, bensì il più grande tra tutti gli appartenenti alla Fondazione (attualmente 4), da completare entro il 2012. Costerà un miliardo di dollari.

Riguardo al suo progetto, è grande l’attesa per una struttura che, per stessa ammissione del progettista, non sarebbe realizzabile per le sue caratteristiche in Europa né negli USA. Ispirato ai grandi studios, il progetto prevede una combinazione di gallerie espositive in grado di consentire una grande flessibilità nell’organizzazione e nella varietà delle esposizioni. Altezze, caratteri e disegn sottolineeranno con le loro differenze quest’intento. L’esterno della costruzione è stato pensato in pietra ma in differenti varietà e colori in modo da evidenziare i diversi papillon museali.

Il Museo alloggerà opere d’arte contemporanea provenienti da tutto il mondo e conterrà una sezione espressamente dedicata al Medio Oriente.

Confermato il progetto di Abu Dhabi, pare che la Fondazione Solomon R. Guggenheim abbia già preso in considerazione l’ipotesi di sviluppare un altro progetto museale (il 6°) a Pechino.

Copyright © - Riproduzione riservata
Il 5° Guggenheim ad Abu Dhabi entro il 2012 Edilone.it