Fabbricati non dichiarati ed ex rurali: prorogati i termini per l'adempimento spontaneo | Edilone.it

Fabbricati non dichiarati ed ex rurali: prorogati i termini per l’adempimento spontaneo

wpid-AgenziaTerritorio.jpg
image_pdf

Con le modifiche introdotte dalla Legge 28/02/2008, n. 31all’art.26 bis del d.l. n. 248 del 2007 sono stati prorogati i termini per l’accatastamento dei fabbricati non dichiarati e di quelli ex rurali.

La recente normativa (legge n.31/2008 e decreto legge n.262/2006) finalizzata al completo censimento dei fabbricati ha stabilito, tra l’altro, che l’Agenzia del Territorio, anche sulla base delle informazioni fornite dall’Agenzia per le erogazioni in agricoltura (AGEA), proceda all’individuazione dei fabbricati non dichiarati in Catasto richiedendo “ai titolari di diritti reali la presentazione degli atti di aggiornamento catastale redatti ai sensi del regolamento di cui al decreto del Ministro delle finanze 19 aprile 1994, n. 701”.

La suddetta normativa prevede, in particolare, che l’Agenzia pubblichi nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana, un comunicato con l’elenco dei Comuni nei quali è stata accertata la presenza di fabbricati o di ampliamenti di costruzioni che non risultano dichiarati in catasto.

L’Agenzia specifica che l’identificazione dei fabbricati è avvenuta attraverso un’attività di foto-identificazione da immagini territoriali, condotta in collaborazione con AGEA, e successivi processi “automatici” di incrocio con le banche-dati catastali. Trattandosi di elaborazioni massive è possibile che si presentino delle incoerenze nei risultati delle verifiche, con inclusione, in qualche caso, di immobili già censiti in catasto. Tali incoerenze vanno segnalate inviando l’apposito modulo di segnalazione, disponibile sul sito dell’Agenzia.

Le liste delle particelle di terreno sulle quali risultano fabbricati non dichiarati in catasto sono consultabili:
* sul sito ufficiale dell’Agenzia attraverso un apposito sistema per la ricerca dei fabbricati non dichiarati;
* presso la sede di ciascun Comune interessato;
* presso le sedi degli Uffici provinciali dell’Agenzia del Territorio territorialmente competenti sui comuni interessati.

Per gli approfondimenti, consultare il sito web:
http://www.agenziaterritorio.it/

Copyright © - Riproduzione riservata
Fabbricati non dichiarati ed ex rurali: prorogati i termini per l’adempimento spontaneo Edilone.it