Decreto semplificazioni 2014: sequestro e confisca immobili | Edilone.it

Decreto semplificazioni 2014: sequestro e confisca immobili

wpid-25579_immobilisequestrati.jpg
image_pdf
 

In G.U. del 28 novembre 2014 è stato pubblicato il D.lgs. n. 175 del 21 novembre 2014 (c.d. Decreto semplificazioni) che è stato emanato in attuazione dell’art. 7 della delega fiscale di cui alla legge 11 marzo 2014, n. 23. Cosa stabilisce il decreto, in vigore dal 13 dicembre 2014, in materia di sequestro e confisca immobili?

 

Secondo il decreto semplificazioni 2014 durante la vigenza dei provvedimenti di sequestro e confisca immobili e, comunque, fino all’assegnazione o destinazione dei beni a cui si riferiscono, dal 1° gennaio 2014:

  • è sospeso il versamento delle imposte dovute con riferimento agli immobili oggetto di sequestro il cui presupposto impositivo consista nella titolarità del diritto di proprietà o nel possesso degli stessi;
  • ai fini della determinazione delle imposte sui redditi non rilevano i redditi prodotti dai beni immobili oggetto di sequestro situati nel territorio dello Stato e dai beni immobili situati all’estero, anche se locati, se determinati in base al Capo II del Titolo I e dell’art. 70 del Tuir;
  • i relativi redditi non rilevano inoltre nell’ipotesi di cui all’art. 90, comma 1, quarto e quinto periodo, del Tuir (art. 51 del D.Lgs. 6 settembre 2011, n. 159).

 

Gli atti e i contratti relativi a tali immobili sono esenti dall’imposta di registro, dalle imposte ipotecarie e catastale e dall’imposta di bollo.

 

ALTRE NOVITA’ DAL DECRETO SEMPLIFICAZIONI: Società in liquidazione e in perdita sistematicaSuccessioni; Iva

 

 

Revoca della confisca

In tal caso l’amministratore giudiziario lo comunica all’Agenzia delle Entrate e agli altri enti impositori ai fini della liquidazione dei tributi dovuti per il periodo di durata dell’amministrazione giudiziaria.

 

 

 

 

Copyright © - Riproduzione riservata
L'autore
Decreto semplificazioni 2014: sequestro e confisca immobili Edilone.it