Con la manovra dal 2013 tagli lineari del 5% e del 20% dal 2014 | Edilone.it

Con la manovra dal 2013 tagli lineari del 5% e del 20% dal 2014

wpid-9414_irpef.jpg
image_pdf

La Lef, associazione per la Legalità e l’equità fiscale, annuncia sul sito FiscoEquo.it che con la manovra ritorna l’Irpef sulla prima casa e che gli assegni di mantenimento sono a rischio di doppia imposizione. Da questo emerge che i provvedimenti sono regressivi e penalizzanti per famiglie e lavoratori dipendenti con redditi più bassi. Il taglio lineare del 5 per cento nel 2013 e del 20 per cento dal 2014, dei regimi di esenzione, esclusioni e agevolazioni fiscali, rilevati dalla commissione sulle ‘tax expenditures’, peserà sulla famiglia per 21,449 mld, sui lavoratori dipendenti e pensionati per 56,812 mld e sulla casa per 9,197 mld.

Attualmente vige la deduzione integrale della rendita catastale della casa in cui si abita, mentre la riduzione lineare della deduzione in vigore dal 2013 (5%) e dal 2014 (20%), farà sì che la tassazione sarà su una base del 20% imponibile sulla rendita catastale.

Altro provvedimento è quello delle detrazioni per carichi di famiglia, infatti, se attualmente le detrazioni sono inversamente proporzionali al reddito del contribuente con a carico moglie e figli, la detrazione lineare colpirà i nuclei familiari meno abbienti.

C.C.

Copyright © - Riproduzione riservata
Con la manovra dal 2013 tagli lineari del 5% e del 20% dal 2014 Edilone.it