Agenzia del Demanio: 1° censimento dei beni dello Stato. Nasce la Bdu | Edilone.it

Agenzia del Demanio: 1° censimento dei beni dello Stato. Nasce la Bdu

wpid-bene_paese_bis.jpg
image_pdf

Sono 30.000 i beni di proprietà dello Stato censiti. Di questi, 20.000 sono edifici e 10.000 terreni. L’elenco comprende dai monumenti più famosi come il Colosseo o la Reggia di Caserta, ai tesori nascosti come la rinascimentale Villa Tolomei, fino ai gioielli meno noti ma altrettanto preziosi sparsi per tutto il Paese.

Il censimento del patrimonio dello Stato gestito dall’Agenzia del Demanio, è stato presentato lo scorso 18 ottobre al convegno internazionale ”Conoscere per riconoscere”, alla presenza del presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano. Ha richiesto quattro anni di lavoro, 1600 persone impegnate, 150 rilievi tecnici realizzati, producendo la prima operazione di queste proporzioni mai realizzata in Italia.
L’obiettivo del lavoro condotto è quello di ordinare, ampliare e approfondire la conoscenza del patrimonio immobiliare presente sul territorio italiano. I risultati del meeting con le delegazioni estere di organismi europei analoghi all’Agenzia del Demanio saranno presentati all’Unione europea.

“Il patrimonio – ha dichiarato Elisabetta Spitz, direttore dell’Agenzia del Demanio – deve essere messo a disposizione delle città e delle collettività, perché deve favorire lo sviluppo del territorio, attraverso un’offerta culturale ma non solo”.
Questo lavoro ha portato alla costruzione di una grande Banca dati unica, un contenitore dove chiunque può acquisire tutte le informazioni su ogni singolo bene dello Stato. La Banca dati unica (Bdu), ossia il fascicolo immobiliare elettronico, rappresenta una rivoluzione vera e propria che permetterà di sostituire integralmente la gestione cartacea per una più razionale e redditizia del patrimonio statale.
Il censimento ha permesso l’individuazione di 2500 edifici ad alto potenziale valorizzabili da subito sparsi in 153 comuni, concentrati per l’80% in otto regioni: Lombardia, Toscana, Lazio, Piemonte, Veneto, Emilia Romagna, Campania, Sicilia.

Al fine di valorizzare i beni censiti, l’Agenzia del Demanio ha messo in atto un progetto chiamato “Valore Paese“, che individua nuove destinazioni urbanistiche per alcuni edifici pubblici: i beni pur rimanendo patrimonio dello Stato, potranno essere dati in affitto fino a 50 anni, sia agli enti locali che ai privati. In questo modo si recupera l’uso di tali edifici e si genera reddito, offrendo opportunità di sviluppo economico e sociale.

Villa Tolomei, dimora rinascimentale a Firenze, per il quale è già stato pubblicato un bando di gara per l’affidamento dell’affitto della villa per 50 anni a chi offrirà il miglior progetto di riqualificazione e recupero, rappresenta il primo esempio.

Nel biennio 2007-2008, come previsto dalla Finanziaria, molti beni del Ministero della Difesa passeranno alla gestione dell’Agenzia del Demanio. Si tratta di beni non più utili ai fini militari per un valore complessivo di 4 miliardi di euro. Il patrimonio dello Stato non sarà svenduto: i beni rimarranno di proprietà pubblica, anche se concessi in gestione a privati per valorizzarli e recuperarli, realizzando al contempo la tutela dei beni e la valorizzazione economica delle risorse artistiche dell’Italia. Il censimento, quindi, fornisce uno strumento operativo che trasforma il patrimonio dello Stato, da voce passiva a risorsa ad elevato potenziale da sviluppare, un bene capace di creare valore.

Come contributo alle celebrazioni per i 150 anni dell’Unità d’Italia, inoltre, è stato promosso un programma di interventi che porteranno da qui al 2011 all’installazione sui beni più importanti di targhe nelle quali verranno riportati i dati più significativi del bene. Le targhe riporteranno anche un codice dell’edificio che permetterà, sia attraverso internet che mediante il cellulare, di accedere ad una scheda descrittiva più ampia e dettagliata dell’immobile.
È stato infine creato “un network professionale ed istituzionale” che comprende l’Agenzia del Demanio e i 23 organismi analoghi dell’Unione europea. Lo scopo della partnership, spiega il Demanio, è quello di ”condividere e definire un modello europeo di gestione dei patrimoni pubblici”, aprendo ”un nuovo capitolo del percorso di innovazione e dinamicità che l’Agenzia del Demanio sta dando al governo dei beni dello Stato”.

Per altre informazioni, consultare il sito web:
http://www.agenziademanio.com/

Copyright © - Riproduzione riservata
Agenzia del Demanio: 1° censimento dei beni dello Stato. Nasce la Bdu Edilone.it