Affitti, canoni sempre in ribasso anche nella prima meta' del 2013 | Edilone.it

Affitti, canoni sempre in ribasso anche nella prima meta’ del 2013

wpid-19869_affitto.jpg
image_pdf

Nessuna inversione di tendenza sul fronte dei canoni di locazione per gli immobili: nei primi sei mesi del 2013 i valori dei canoni proseguono il loro ribasso, registrando una media dell’1,9% sui bilocali e dell’ 1,8% sui trilocali. Dati che diventano leggermente più accentuati nelle grandi città, dove il ribasso sui bilocali diventa del 2,1%, sui trilocali del1l’1,9% e sui monolocali del 2,9%.

Più immobili in affitto offerti per un potenziale di spesa degli inquilini sempre più basso, ma soprattutto l‘aumento di domanda tra quelle persone che non riescono ad accedere al mercato del credito, come i giovani, i monoreddito e gli immigrati, seguiti da studenti e lavoratori fuori sede: è questa l’analisi di sintesi fornita dall’Ufficio Studi di Tecnocasa, relativa al mercato delle locazioni nel primo semestre 2013.

L’analisi demografica di coloro che cercano casa in affitto ha evidenziato che il 40,6% ha un’età compresa tra 18 e 34 anni, il 32,0% ha un’età compresa tra 35 e 44 anni; il 46,6% è rappresentato da single, il 39,5 % da coniugati, l’11,2% da separati. Rispetto alle motivazioni per cui cercare casa in affitto, il 56,4% lo fa per trovare l’abitazione principale, seguono coloro si trasferiscono per lavoro (37,8%) ed, infine, ci sono coloro che si trasferiscono per motivi di studio e che cercano casa vicino alla sede della facoltà frequentata (5,8%). Queste ultime categorie – trasferiti per studio e per lavoro – sono in realtà in diminuzione rispetto al semestre precedente, forse a causa – come ipotizza Tecnocasa – dell’aumento della disoccupazione, della diminuzione degli iscritti alle università italiane e dde fatto che gli studenti scelgano università più vicine alla regione di origine.

Per quanto riguarda le tipologie di contratto di locazione, quello più praticato è il canone libero (4+4), seguito dal concordato e poi da quello ad uso transitorio. La domanda di abitazioni in affitto si concentra in particolare sui bilocali (38,5%), a seguire il trilocale (35,5%).

Secondo Tecnocasa in questo semestre i proprietari sono diventati ‘più rigidi’ nell’affittare l’immobile, in quanto si desiderano maggiori garanzie sull’affidabilità dell’inquilino (busta paga, contratto a tempo indeterminato) e la continuità dei pagamenti dei canoni di locazione. Per questo sono apprezzate le assicurazioni a garanzia del rapporto di locazione. Anche i potenziali locatari sono sempre più esigenti nella ricerca dell’immobile e si evidenzia una maggiore facilità di affitto per le soluzioni di “qualità”, dove per qualità si intende non solo lo stato dell’immobile ma anche la qualità dell’arredamento, la presenza di ambienti luminosi e di servizi in zona. La presenza del riscaldamento autonomo è apprezzata perché consente una riduzione dei costi condominiali.

Venendo alle variazioni dei canoni per le singole città, Roma e Milano restano le città più care d’Italia. Nella Capitale il canone medio per un monolocale raggiunge i 600 euro (-4,1% rispetto al semestre precedente), per un bilocale i 770 euro (-2,9%) e per un trilocale si va sui 960 euro (-2,9%). Analogo il calo a Milano, ma più contenuto sulle case più grandi: il monolocale in media costa 510 euro al mese (-4%), il bilocale 680 (-2,1%) e il trilocale 880 (-1,8%). Variazioni accentuate anche a Genova per i bilocali (400 euro al mese, -4,2% rispetto al semestre precedente) e i trilocali (500 euro, -3,1%). Fa caso a sé Bari: nel capoluogo pugliese il canone per un monolocale è sceso a 300 euro, ben il 10,2% in meno rispetto alla precedente rilevazione, ma i cali sono alti anche per i bilocali (420 euro, -3,0%) e i trilocali (-3,6%).

Copyright © - Riproduzione riservata
Affitti, canoni sempre in ribasso anche nella prima meta’ del 2013 Edilone.it