Venezia: riqualificazione di Prada | Edilone.it

Venezia: riqualificazione di Prada

wpid-venezia.jpg
image_pdf

A Venezia si dà il via libera, con una recente delibera, al piano di riqualificazione urbanistica e ambientale previsto per Prada, al fine di rendere vivibile per tutto l’anno un’area che oggi è considerata depressa. L’annuncio dell’ approvazione ai sensi dell’articolo 45 della legge regionale 61/ 1985 è stato dato dall’assessore ai lavori pubblici, Davide Benedetti.

Con tale formula la Regione Veneto ha approvato il Piru con delle prescrizioni d’ufficio da applicare direttamente da parte della amministrazione, il che consentirà di non dover riportare all’esame del consiglio comunale il tutto. Le prescrizioni della delibera, oltre una quindicina, non sono sostanziali ma relative ad aspetti piuttosto marginali dell’intero piano di riqualificazione. Prada dovrebbe divenire un borgo residenziale con servizi annessi, oltre che opere pubbliche sparse sul territorio comunale.

L’importo di spesa previsto per l’intervento complessivo ammonta ad oltre cinque milioni e mezzo di euro, con ricavi previsti per oltre sei milioni e settecento mila euro.
I lavori prevedono la costruzione di un centro, che attualmente manca a Prada, con insediamenti residenziali suddivisi in cinque contrade denominate rispettivamente dei Ginepri, dei Castagni, delle Betulle, dei Faggi e Borgo Antico. La cubatura prevista per questi insediamenti è di 9.488 metri cubi, che possono equivalere grossomodo a una sessantina di appartamenti da 55 metri quadri ciascuno. Oltre a questa cubatura, altri 2.138 metri cubi sono previsti per volume non residenziale, cioè bar, negozi o attività commerciali varie. In tutto quindi 11.626 metri cubi, a fronte dei 16. 462 previsti in un primo momento. Non sorgerà l’auditorium comunale inizialmente previsto. Saranno invece costruiti parcheggi a Castelletto e la riqualificazione di località Borgo, oltre alla destinazione di 17,335 metri quadri di superficie per costituire il parco di Prada a tutela dell’intera area. Dal Piru l’amministrazione incasserà opere pubbliche per un valore di un milione e 230 mila euro. Nel dettaglio, l’area dovrà comprendere: un parcheggio a Prada a supporto della funivia, un parcheggio a Castelletto, località Sapel, la riqualificazione della località Pozzo e la proprietà della piccola chiesa di Prada, oltre alla superficie per il parco. Le opere pubbliche e il primo stralcio del villaggio residenziale in montagna potrebbero partire già nei prossimi mesi.

Copyright © - Riproduzione riservata
Venezia: riqualificazione di Prada Edilone.it