Una scuola a emissioni zero | Edilone.it

Una scuola a emissioni zero

wpid-6050_scuolaaosta.jpg
image_pdf

Ogni edificio, e le scuole prima degli altri, dovrebbe essere un organismo architettonico omogeneo in grado di incrementare la relazione armonica tra l’essere umano e i valori della natura. E su questi principi è stato progettato l’istituto scolastico I.S.I.P di Aosta, la più grande struttura scolastica del capoluogo valdostano realizzata quasi interamente con pannelli in legno.

Tutto l’edificio si sviluppa su una superficie lorda di circa 4.900,00 m² suddivisi su due piani, di cui circa 2.800,00 m² realizzati al piano terra. L’edificio ha una forma a C leggermente aperta sulla manica est per seguire l’andamento del lotto. Il tetto è monofalda con manto di copertura in lamiera grecata di alluminio. La costruzione è composta da tre maniche di circa 18 metri di larghezza e di circa 50 metri di lunghezza che ospitano rispettivamente: manica est: piano terra e primo piano aule didattiche e servizi; manica centrale: al piano terra aule speciali ed archivio, al primo piano aule didattiche, aule speciali e sala per il consiglio didattico; manica ovest: al piano terra sale docenti, segreteria, presidenza e alcune aule speciali, al primo piano aule per la didattica. I servizi igienici e i collegamenti verticali si trovano nei punti di intersezione tra le differenti maniche mentre i principali spazi di relazione si trovano nella manica centrale.

La maglia strutturale è molto rigida, di conseguenza la struttura si presenta quanto mai semplice: setti portanti prefabbricati in legno con cappotto esterno e finiture in intonaco; il tetto è in legno con un manto di copertura in lamiera di alluminio, e tutti gli ambienti hanno un controsoffitto all’interno del quale sono state realizzate le canalizzazioni di impianti tecnici e apparecchi per l’illuminazione ad incasso.

L’archivio e la centrale termica sono stati progettati con struttura in cemento armato, differente dal resto dell’edificio, per ovviare alle restrizioni imposte dalla normativa antincendio e per costruire ossature di appoggio e di controvento per la prefabbricazione. I collegamenti verticali ordinari sono assicurati da una scala principale posta ad est ed una secondaria, ma provvista di ascensore, ad ovest, quelli straordinari, antincendio o sfollamento veloce, da tre scale di cui due poste in diretto contatto con le terrazze del primo piano e una a cui si accede dalla sala del collegio docenti.

 

 

Copyright © - Riproduzione riservata
Una scuola a emissioni zero Edilone.it