La scuola dell’infanzia ecosostenibile

wpid-12241_infanzia.jpg

A Gaiole in Chianti, provincia di Siena, è nata una scuola dell’infanzia ecosostenibile, realizzata secondo i criteri più moderni della bioedilizia e dell’efficienza energetica. Inaugurata alla presenza della autorità locali, la struttura è in grado di ospitare fino a circa 120 bambini e contiene quattro aule, spazi collettivi, una mensa e una cucina che produrrà fino a 250 pasti al giorno, distribuiti a tutte le scuole del Comune.

La scuola può essere definita un “edificio passivo”, poiché grazie alle sue caratteristiche progettuali necessità di un fabbisogno energetico inferiore ai 15 Kwh per metro quadro. Orientata sull’asse eliotermico nord-sud, con le quattro sezioni esposte a sud, la struttura dispone di sistemi ecologici e bioclimatici dati da criteri compositivi omogenei e modulari. Sul lato sud è stato predisposto un sistema di frangisole in legno, progettato sul modello dell’irraggiamento solare dei solstizi ed equinozi. In questo modo, nel periodo autunno-inverno la scuola godrà della massima penetrazione del sole, mentre in primavera-estate sarà schermata.

La struttura portante è totalmente costruita in legno con sistema a parete massiccia costituita da tavole di abete rosso disposte a strati incrociati. Tale tecnologia (definita cross-Lam) non solo offre prestazioni energetiche elevate, ma ha anche importanti proprietà antisismiche, comportandosi in modo elastico in caso di terremoti. Inoltre la struttura portante è coibentata, con sistema a “cappotto”, con pannelli in fibra di legno rivestiti con intonaco traspirante ai silossani e pietra calcarea, nel rispetto dei materiali da costruzione locali. I serramenti sono in legno con cristalli a vetrocamera, basso emissivi, contenenti all’interno un gas inerte (argon) che permette un eccellente sistema di coibentazione termica delle ampie pareti vetrate.

Pezzo forte è il tetto a giardino pensile, che svolge la funzione di regolazione termica dell’edificio, integrandosi con un sistema fotovoltaico a film sottile. Disponibile, infine, un sistema di raccolta delle acque piovane dal tetto in due cisterne interrate, da impiegare per gli scarichi, l’innaffiamento del giardino e l’impianto antincendio.

Il mix intelligente di pratiche progettuali d’alto livello permetterà alla scuola di Gaiole in Chianti di risparmiare 9,68 tonnellate di petrolio equivalente all’anno e 23,6 tonnellate di Co2 non immessa in atmosfera, ponendosi come struttura modello nazionale per un edilizia scolastica all’avanguardia.

V.R.

Copyright © - Riproduzione riservata