Isola Bella (Me): annunciato progetto di salvaguardia | Edilone.it

Isola Bella (Me): annunciato progetto di salvaguardia

wpid-IsolaBella3.jpg
image_pdf

Ad Isola Bella, uno dei posti più belli della Sicilia oltre che simbolo di Taormina, la baia (divenuta riserva naturale dal 1998) è stata gestita con cura e attenzione fino all’estate scorsa dal WWF. Quest’anno, per il sito, è stato invece rilevato e denunciato – anche sulla stampa nazionale – un generale stato di degrado per l’abbandono dei rifiuti e la diffusa violazione delle norme di protezione naturalistica.

Isola Bella, nominata monumento d’interesse storico-artistico di particolare pregio nel 1984, è stata acquistata dall’Assessorato dei Beni Culturali della Regione Siciliana nel 1990. La riserva naturale è stata istituita nel ’98 proprio per tutelare il valore paesaggistico, naturalistico e archeologico dell’area.

Per discutere sulle problematiche legate alla situazione del sito naturalistico, proprio presso la Villa d’Isola Bella, lo scorso 8 settembre si è svolta la conferenza dei servizi, convocata dall’Assessore regionale siciliano al Territorio ed Ambiente Rossana Interlandi. Vi hanno preso parte il presidente della Provincia Regionale di Messina, ente gestore della Riserva Isola Bella, Salvatore Leonardi, il sindaco di Taormina, Carmelantonio D’Agostino, funzionari e tecnici. I tale sede, la Regione ha dichiarato di aver già individuato il percorso normativo da seguire per garantire la tutela del sito naturale e del sito culturale d’Isola Bella.

Secondo le dichiarazioni rese dell’assessore al Territorio ed Ambiente, Rossana Interlandi, a margine della conferenza dei servizi: "Entro settembre sarà attivata la progettazione, entro dicembre verrà espletata la gara ed entro il 2008 i lavori termineranno, consegnandoci un luogo di rara bellezza".

"Nel frattempo – prosegue la Interlandi – la Regione individuerà associazioni ambientalistiche e culturali, a cui affidare la gestione dell’isolotto, punta di diamante del nostro patrimonio naturalistico. Nessun atto vandalico può inficiare un percorso virtuoso già iniziato. Come Regione ci eravamo già attivati con la Provincia Regionale di Messina, ente gestore della Riserva, per programmare nell’immediato una serie d’interventi di pulizia straordinaria e per incrementare il servizio di vigilanza".

Per il futuro, la scelta strategica è quella di progettare un sistema di gestione integrato dei due siti, quello naturale e quello culturale: "La Provincia di Messina gestirà la Riserva fino al mese di dicembre, per cui in questa fase ci coordineremo per garantire la salvaguardia dei luoghi – ha proseguito l’assessore Interlandi – abbiamo anche sentito le principali associazioni ambientaliste, tenendo conto che anche il Comune di Taormina dovrà necessariamente essere parte della programmazione, essendo tra l’altro l’ente competente a redigere il piano di utilizzazione della zona B della Riserva. Il percorso immaginato è quello di fare della Villa, dopo il necessario lavoro di ripristino filologico, un luogo prestigioso per accogliere personaggi illustri, oltre che un museo di se stessa. Insomma – ha concluso l’assessore Interlandi – un vero biglietto da visita della Sicilia nel mondo".

Copyright © - Riproduzione riservata
Isola Bella (Me): annunciato progetto di salvaguardia Edilone.it