Il Parlamento europeo spinge per l'edilizia a impatto zero dal 2018 | Edilone.it

Il Parlamento europeo spinge per l’edilizia a impatto zero dal 2018

wpid-2140_Abitazioni.jpg
image_pdf

Il Comitato Industria, Ricerca, Energia (ITRE) del Parlamento europeo ha votato favorevolmente l’orientamento secondo il quale tutti gli immobili costruiti dopo il 31 dicembre 2018 dovranno produrre tanta energia quanta ne consumano sul posto. Impegnato a rivedere la direttiva comunitaria del 2002 sul rendimento energetico degli immobili, il Comitato ha anche sollecitato un maggior investimento pubblico per promuovere l’efficienza energetica degli edifici.

Questa decisione adottata dal Comitato, verrà votata alla plenaria del 4/7 maggio, e prevede che entro il 31 dicembre 2018 gli stati membri dell’Unione europea si assicurino che tutti i nuovi edifici consumino tanta energia quanta ne producono, per esempio sfruttando i pannelli solari o le pompe di calore. Non si tratta solo dei nuovi edifici che verranno costruiti, ma dovranno essere adeguati anche quelli esistenti.

Sono state anche proposte tappe intermedie: rispettivamente nel 2015 e nel 2020.

Copyright © - Riproduzione riservata
Il Parlamento europeo spinge per l’edilizia a impatto zero dal 2018 Edilone.it