Dal Regno Unito il cemento che assorbe la CO2 | Edilone.it

Dal Regno Unito il cemento che assorbe la CO2

wpid-4219_co.jpg
image_pdf

I cementifici sono delle vere e proprie fabbriche di CO2 a causa delle grandi necessità energetiche infatti producono moltissima anidride carbonica: i dati parlano del 5-8% della produzione nazionale nella maggior parte dei paesi industrializzati.

Il cemento è, infatti, uno dei “protagonisti” dell’effetto serra sia nelle emissioni dirette sia in quelle indirette: nel primo caso è per via del mix di cui è composto, generalmente ossido di calcio per il 64%, ottenuto dal carbonato di calcio per calcinazione e quindi emissione di CO2; indirettamente perché per produrre il cemento si utilizza una grande quantità di energia e dunque emissioni per 0.2 tonnellate per ogni tonnellata di prodotto finale.

Resta però una prodotto  ancora fondamentale nell’edilizia per cui  non si può eliminare. Da qui nasce la ricerca di soluzioni più sostenibili. Nel Regno Unito hanno messo a punto un metodo che consente di un consumo di energia ridotto: l’Azienda inglese Novacem ha sviluppato una tipologia di cemento ecologico che invece che emettere CO2 l’assorbe in una quantità stimabile nel 60% del suo peso. Superati i test, potrebbe essere commercializzata entro  cinque anni.

Per la sua produzione sono utilizzati alcuni minerali come additivi che permettono di produrre il cemento a temperature più basse (e quindi consumando meno energia) ma soprattutto di assorbire CO2 durante la fase di indurimento del prodotto.

Quindi si risparmiano sia energia che CO2 durante la produzione e si assorbe ulteriore CO2 quando il cemento viene utilizzato. L’idea non è male, anche se la riduzione della  CO2 è solo stimata e  soprattutto, non si sa ancora il costo industriale del nuovo prodotto.

Copyright © - Riproduzione riservata
Dal Regno Unito il cemento che assorbe la CO2 Edilone.it