Consumo di suolo e sviluppo sostenibile della citta': il progetto per l'area ex Piazza d'Armi | Edilone.it

Consumo di suolo e sviluppo sostenibile della citta’: il progetto per l’area ex Piazza d’Armi

Il 18 marzo 2015 al Palazzo Reale di Milano, incontro pubblico sul recupero della Piazza d'Armi di Milano-Baggio, area verde dismessa adiacente alla caserma Santa Barbara

wpid-26361_piazzadarmimilano.jpg
image_pdf

Mercoledì 18 marzo 2015, dalle ore 14 alle ore 19, nella Sala Conferenze di Palazzo Reale a Milano, amministratori, associazioni, esperti e cittadini si incontreranno per confrontarsi sul tema attualissimo del consumo di suolo urbano, ponendo in primo piano il caso concreto della Piazza d’Armi di Milano-Baggio, area verde dismessa adiacente alla caserma Santa Barbara in piazzale Perrucchetti: un’area di circa 35 ettari, abbandonata da decenni, e attualmente oggetto di un protocollo d’intesa tra il ministero della Difesa e il Comune di Milano per la sua restituzione alla città.

L’incontro, dal titolo “La forma della città”, è organizzato dal Tavolo Comune per la Piazza d’Armi tra le associazioni aderenti al Progetto Generativo di Trasformazioni, che mira a creare nell’area un parco agro-alimentare con attività produttive, didattiche, socio-culturali e sportive. Il progetto, elaborato da Le Giardiniere Milano e già presentato al Consiglio di Zona 7, sarà illustrato in tutti i suoi aspetti e messo al centro di un confronto con l’amministrazione comunale, come possibile alternativa alla ben nota valorizzazione, cioè lottizzazione edilizia.

“A Milano ci sono circa 80.000 alloggi sfitti e milioni di metri quadri di edifici commerciali vuoti e-o invenduti, non abbiamo bisogno di altri loculi di cemento, ma di spazi dove vivere – afferma Patrizia Binda, del gruppo Le Giardiniere Milano -. Il destino dell’ex Piazza d’Armi, una delle più grandi aree ‘libere’ ancora esistenti nel territorio di Milano. Non è una questione locale, bensì riguarda tutta la città metropolitana. Ci sembra coerente con l’Expo dedicata all’alimentazione cogliere un’importante occasione per ripristinare il legame vitale tra comunità urbana, natura e agricoltura. Del resto, c’è un precedente – conclude Binda – l’Expo 1906 ci ha lasciato la piazza d’armi del Castello rigenerata in Parco Sempione, ora abbiamo l’opportunità di consegnare ai nostri figli un altro importante pezzo della nostra città, come polmone verde e risorsa produttiva e attrattiva.”

L’incontro sarà suddiviso in quattro sezioni dedicate a consumo di suolO; amministrazioni virtuose nel recupero di territorio; progetto per la ex Piazza d’Armi; e esperienze di partecipazione nella rigenerazione urbana. Interverranno: Paolo Pileri, ingegnere ambientale, Roberto Comolli, pedologo, Gianni Scudo, Società dei Territorialisti, Domenico Finiguerra, ex sindaco di Cassinetta di Lugagnano, Isabella Conti, sindaca di San Lazzaro (BO), Roberto Corti, sindaco di Desio, Guido Montanari, assessore all’Urbanistica del comune di Rivalta (TO), Anita Sonego, presidente Commissione Pari Opportunità Comune di Milano, Claudia Sorlini, Comitato Scientifico Expo Milano 2015, Damiano Di Simine, Legambiente Lombardia, Veronica Dini, avvocato ambientale, Francesca Neonato, Brownfields Regeneration in Europa, Isabella Inti, Temporiuso progetti di riuso temporaneo, Chiara Moroni, Healing Gardens giardino terapeutico all’Ospedale S.Carlo, Davide Biolghini, Il parco Teramo alla Barona, Riccardo Casalegno, Il parco Segantini (ex Sieroterapico), Cristina Omenetto, Il Gasometro della Bovisa, Bianca Bottero, La rete delle Cittàvicine.

Copyright © - Riproduzione riservata
Consumo di suolo e sviluppo sostenibile della citta’: il progetto per l’area ex Piazza d’Armi Edilone.it