Ca' Foscari primo ateneo "green" d'Italia | Edilone.it

Ca’ Foscari primo ateneo “green” d’Italia

wpid-21172_facciataCaFoscariCanalGrande.jpg
image_pdf

UI Greenmetric World University Ranking è un’iniziativa nata nel 2010 grazie all’Universitas Indonesia. Si tratta di una classifica internazionale delle università sostenibili, secondo criteri evinti da un questionario elaborato dall’università indonesiana. In base ai dati Greenmetric 2013, l’ateneo più sostenibile d’Italia è quello dell’Università Ca’ Foscari, per il secondo anno consecutivo al primo posto fra le università italiane su un totale di 301 partecipanti provenienti da tutti i Paesi e continenti. L’ateneo cafoscarino si trova al 105° posto nella classifica staccando di 16 posizioni (vale a dire 178 punti) la seconda università italiana più verde secondo Greenmetric.

Due sono gli obiettivi del Greenmetric ranking: il primo è fornire un quadro delle misure e delle politiche attuate in merito alla sostenibilità nelle università di tutto il mondo. In secondo luogo la classifica vuole esortare gli stakeholder dei diversi atenei a un maggiore impegno nella lotta ai cambiamenti climatici globali, a una gestione efficiente di acqua ed energia e al riciclo dei rifiuti e modalità di trasporto sostenibili. Ca’ Foscari ha recepito il messaggio dell’Universitas Indonesia in maniera esemplare, infatti il suo successo è dovuto al miglioramento di performance in diversi parametri presi in considerazione dalla classifica: infrastrutture, politiche energetiche, consumi d’acqua, rifiuti, trasporti, didattica, passando da 5.199 a 5.499 punti.

Grazie alla gestione delle politiche di sostenibilità, affidata alla professoressa Chiara Mio, l’ateneo veneziano è risultato il più antico edificio al mondo ad ottenere il prestigioso bollino “Leed” nel settembre 2013. A dare impulso a questa politica, inoltre, è stato ideato il carbon footprint calculator, sistema per il calcolo delle emissioni di Co2 di cui ciascuno è responsabile, nonché le competenze di sostenibilità, crediti formativi extracurriculari per attività “sostenibili” all’interno del piano di studi dello studente.

“Siamo molto soddisfatti di questo traguardo raggiunto per il secondo anno consecutivo; per la comunità cafoscarina è il segno delle scelte e dell’impegno progressivo messi in atto nel campo della sostenibilità. Numerose sono le iniziative che intraprendiamo e su tutti i fronti, dalla didattica alla ricerca alla cultura fino alle politiche di risparmio energetico e riduzione dei rifiuti. Uno sforzo che ci auguriamo possa contribuire a sensibilizzare ulteriormente sulla centralità di un tema oramai ineludibile a tutti i livelli di gestione e organizzazione degli aspetti di vita, lavoro, governo. E in cui è indispensabile ciascuno faccia la propria parte”. Queste le parole del Rettore di Ca’Foscari Carlo Carraro.

{GALLERY}

Copyright © - Riproduzione riservata
Ca’ Foscari primo ateneo “green” d’Italia Edilone.it