Bioedilizia, la provincia di Treviso accelera | Edilone.it

Bioedilizia, la provincia di Treviso accelera

wpid-21997_bioedilizia.jpg
image_pdf

T2i Trasferimento Tecnologico e Innovazione, la nuova società consortile per l’innovazione nata lo scorso dicembre dall’integrazione di attività, progetti, risorse umane e infrastrutture di Treviso Tecnologia e Polesine Innovazione, ha siglato un accordo con il Consorzio per lo sviluppo della bioedilizia (Cbs), ente di riferimento della Provincia di Treviso per la tutela e lo sviluppo dell’edilizia ecosostenibile.

L’accordo si propone di facilitare l’accesso alle imprese e alle pubbliche amministrazioni del territorio ai temi e alle competenze legate allo sviluppo sostenibile per favorire nuove opportunità di crescita, modificando i cicli produttivi verso la green economy. Inoltre, intende favorire la diffusione di competenze legate alle innovazioni tecnologiche per l’energia e l’ambiente attraverso lacooperazione territoriale e progetti legati allo sviluppo sostenibile del territorio.

L’accordo tra t2i e il Consorzio per lo sviluppo della bioedilizia mira, in particolare, a implementare e completare ilprogetto già attivo per la realizzazione del primo Paes, Piano d’azione per l’energia sostenibile, territoriale del Veneto che coinvolge 12 Comuni dell’area pedemontana del Grappa. Si tratta di un patto territoriale, siglato lo scorso mese di dicembre, con cui i comuni aderenti hanno scelto di superare i propri confini territoriali e pianificare in modo condiviso gli interventi destinati all’efficientamento energetico e alla lotta ai cambiamenti climatici con l’obiettivo di ridurre le emissioni e i consumi energetici, ad aumentare l’uso delle rinnovabili di oltre il 20% entro il 2020.

Quest’accordo intende fare leva sulla specializzazione del Consorzio per lo sviluppo della bioedilizia in ambito di certificazione e formazione per il mondo delle costruzioni e il ruolo di t2i nell’informazione, formazione e sviluppo di serviziper lo sviluppo di competenze e organizzazioni innovative, la valorizzazione e certificazione dei prodotti e lo sviluppo di prodotti, processi e servizi innovativi.

“L’accordo che abbiamo siglato con t2i – commenta Michele Noal, presidente del Consorzio per lo sviluppo della bioedilizia – determina un valore aggiunto nel rafforzare il nostro impegno a servizio delle imprese del territorio al fine di dare risposte sempre più immediate ed efficienti a chi sceglie l’innovazione, l’uso di energia da fonti rinnovabili, il contenimento degli sprechi a vantaggio di uno sviluppo più equo e sostenibile, considerando la green economy un’opportunità di riposizionamento strategico. Grazie a questa partnership, vogliamo dare un nuovo impulso verso lo sviluppo di reti territoriali che incentivino la sostenibilità e superino la logica dei campanili.”

Copyright © - Riproduzione riservata
Bioedilizia, la provincia di Treviso accelera Edilone.it