Alcatraz di Jacopo Fo riceve il premio “amica del clima” | Edilone.it

Alcatraz di Jacopo Fo riceve il premio “amica del clima”

wpid-8712_alcatraz.jpg
image_pdf

Gli eco-alberghi in Italia iniziano ad essere una realtà sempre più affermata e nel 2010 sono riusciti a risparmiare complessivamente un milione di metri cubi di acqua, 2400 mwh di energia e 3.590 tonnellate di CO2. Questo secondo i dati raccolti da Legambiente Turismo.

Tra queste strutture virtuose c’è anche la Libera Università di Alcatraz, a Gubbio, fondata da Jacopo Fo, la quale vanta una serie di performance che le hanno assicurato il premio “amica del clima” assegnato da Legambiente. L’energia elettrica della struttura è prodotta da 4 impianti fotovoltaici per 27,5 kw complessivi ed è in corso di realizzazione un quinto impianto da 50 kw. Le lampadine sono ad alto risparmio e a led. Cinque impianti solari termici forniscono l’80% dell’acqua calda. Il riscaldamento è prodotto da due caldaie a scarti di legna e da due caldaie a gas ad alta efficienza. Le case sono state ristrutturate per aumentare l’efficienza energetica, ottenendo un risparmio di combustibile del 50%. Anche i consumi idrici sono stati ridotti della metà; Alcatraz è dotata di riduttori del flusso dell’acqua dei rubinetti e delle docce, impianti duali per lo scarico dei wc, due impianti di fitodepurazione delle acque nere. Inoltre, la Libera Università ricicla o riusa l’80% dei rifiuti e pratica il compostaggio. Ha recuperato a oliveto, frutteto e pascolo 400 mila metri quadrati di terreni abbandonati e realizzato 370 mila metri quadrati di rimboschimento.

“La costanza con la quale, da 30 anni, ad Alcatraz, si lavora alla tutela dell’ambiente e della biodiversità, alla riduzione dei consumi energetici e idrici, alla corretta gestione dei rifiuti ha prodotto risultati importanti e garantito al centro una sostenibilità a tutto tondo – ha dichiarato Vittorio Cogliati Dezza, presidente di Legambiente -. Se tutte le strutture ricettive d’Italia adottassero, anche solo in parte, gli accorgimenti e le tecnologie messi in opera nella Libera Università, il loro contributo alla riduzione di CO2 e alla lotta contro l’effetto serra e ai cambiamenti climatici potrebbe essere davvero notevole. E’ anche grazie ad attività come queste che l’Italia può fare a meno del nucleare”.

La ricerca nazionale – svolta sulle 426 strutture associate nel 2010 con 62.740 posti letto e 6.500.000 presenze annue – evidenzia come, con misure semplici ma efficaci, siano stati raggiunti risultati molto significativi:un risparmio annuale di quasi un milione di metri cubi d’acqua (955.216); di 2394 Mwh di energia elettrica e gas metano per il riscaldamento dell’acqua e di 2,3 MWh grazie all’installazione di lampadine ad alta efficienza; il calo dei rifiuti e delle monodosi alimentari e igieniche (76,0 tonnellate di plastica in meno). Considerando le varie fonti di risparmio, la riduzione delle emissioni è di oltre 3500 tonnellate/anno di anidride carbonica.

Copyright © - Riproduzione riservata
Alcatraz di Jacopo Fo riceve il premio “amica del clima” Edilone.it