Ecobonus sulle ristrutturazioni edilizie, le prime tre Faq | Edilone.it

Ecobonus sulle ristrutturazioni edilizie, le prime tre Faq

wpid-19653_Ecobonus.jpg
image_pdf

Il Governo ha lanciato il sito www.casa.governo.it per fornire tutte le informazioni sulle agevolazioni fiscali previste dal decreto legge 63/2013, convertito dalla legge n. 90/2013, il cosiddetto “decreto ecobonus” entrato in vigore il 6 giugno 2013.

Sul sito è anche possibile consultare le guide dell’Agenzia delle Entrate con le indicazioni per ottenere le detrazioni fiscali. La stessa Agenzia cura la sezione del portale dedicata alle Faq, rispondendo ai quesiti più frequenti posti dai cittadini sul decreto eco bonus.

Chi ha diritto alle detrazioni in caso, ad esempio, di locazione vendita? È questo uno degli argomenti delle prime tre Faq che pubblichiamo di seguito.

1)   Sono un inquilino e ho sostenuto la spesa per i lavori di ristrutturazione. Ho diritto alla detrazione, oppure questa spetta solo ai proprietari?

La detrazione spetta a chi sostiene la spesa. Quindi, non solo i proprietari degli immobili (o i titolari di altri diritti reali, come nuda proprietà, usufrutto, uso, abitazione o superficie), ma anche, per esempio, i locatari o i comodatari. Inoltre, va ricordato che, se sostiene la spesa e i bonifici e le fatture sono a lui intestate, ha diritto alla detrazione anche il familiare convivente del possessore o detentore dell’immobile su cui sono eseguiti i lavori.

2) Sto per vendere l’appartamento ristrutturato. Perderò la detrazione?

La detrazione va ripartita in 10 quote annuali di pari importo. Nei casi in cui l’immobile venga ceduto prima dei 10 anni le quote residue del “bonus” si trasferiscono automaticamente all’acquirente, a meno che non ci sia un accordo diverso tra le parti.

3) Ho eseguito i lavori di ristrutturazione nell’appartamento che ho in affitto. Se prima dei 10 anni cambio casa, perdo il diritto alla quote residue di detrazione?

No. La cessazione dello stato di locazione (così come quella di comodato) non fa venire meno il diritto alla detrazione per l’inquilino (o il comodatario) che hanno eseguito i lavori.

Copyright © - Riproduzione riservata
Ecobonus sulle ristrutturazioni edilizie, le prime tre Faq Edilone.it