Decreto semplificazioni 2014: le novita' sulle successioni | Edilone.it

Decreto semplificazioni 2014: le novita’ sulle successioni

wpid-25577_successionedichiarazione.jpg
image_pdf

 

In G.U. del 28 novembre 2014 è stato pubblicato il D.lgs. n. 175 del 21 novembre 2014 (c.d. Decreto semplificazioni) che è stato emanato in attuazione dell’art. 7 della delega fiscale di cui alla legge 11 marzo 2014, n. 23. Il presente D.lgs. n. 175/2014 è entrato in vigore a decorrere dal 13 dicembre 2014.  In questo articolo descriviamo alcune novità sostanziali in materia di dichiarazione di successione.

 

Non si deve procedere alla presentazione della dichiarazione di successione nel caso l’eredità sia destinata al coniuge o a parenti in linea retta del defunto e l’attivo ereditario ha un valore inferiore ad Euro 100.000 e non comprende beni immobili o diritti reali immobiliari.

 

LEGGI ANCHE: Decreto semplificazioni 2014: società in liquidazione e responsabilita’ dei liquidatori

 

Conseguentemente il limite entro cui non scatta l’obbligo di presentazione della dichiarazione di successione sarà aumentato dagli attuali Euro 25.823 ad Euro 100.000. Si evidenzia, inoltre, che non vi sarà l’obbligo di presentazione della stessa quando l’eredità non sia costituita da beni immobili o diritti immobiliari.

Sotto il profilo burocratico si segnalano le seguenti novità:

  • non andranno più allegati alla dichiarazione di successione documenti in originale. Va da sé che basteranno copie non autenticate, accompagnate da una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà;
  • verrà meno l’obbligo di presentare la dichiarazione integrativa nel caso in cui una sopravvenienza sia costituita da “rimborsi fiscali”. Tali rimborsi manterranno comunque la loro rilevanza ai fini della determinazione dell’imponibile da sottoporre a tassazione.

 

 

 

 

 

 

Copyright © - Riproduzione riservata
L'autore
Decreto semplificazioni 2014: le novita’ sulle successioni Edilone.it