Salone Immobiliare di Firenze | Edilone.it

Salone Immobiliare di Firenze

wpid-19344_1551_saloneimmob.jpg
image_pdf

Grande attesa per il prossimo Salone Immobiliare di Firenze che sta per tornare a svolgersi in città.  Dopo il successo della scorsa edizione, che ha portato alla fiera 13.000 presenze, la quinta edizione della manifestazione di riferimento del capoluogo toscano, dedicata alla compravendita di immobili residenziali, si svolgerà al Saschall di Firenze dall’11 al 14 Marzo 2010.

Il Salone Immobiliare di Firenze è patrocinato dal Comune e la Provincia di Firenze, la Camera di Commercio di Firenze, Promofirenze Toscana, F.I.M.A.A, Ance Toscana e Firenze, Fiaip, A.N.A.M.A, Confcooperative Toscana, Arcat Legacoop e Confedilizia.

Nonostante il periodo di crisi che sta colpendo il settore, il successo della fiera, che anche per quest’edizione, si preannuncia affollata, è assicurato dalla sua formula vincente che garantisce un grande risparmio di tempo e di risorse e la trasparenza delle offerte. Il Salone Immobiliare è infatti la migliore occasione per trovare la casa ideale: in un solo giorno infatti è possibile valutare, gratuitamente, migliaia di case in vendita, nuove o tradizionali, direttamente dai costruttori e dalle agenzie, vagliare ristrutturazioni con le imprese che offrono chiavi in mano e confrontare con le banche presenti la scelta del mutuo migliore. Saranno presenti infatti al Salone tutte le categorie necessarie a trovare una soluzione abitativa: costruttori e cooperative edili, agenzie immobiliari, banche ed imprese edili per le ristrutturazioni.

Parlando di cifre si può rilevare che, nell’anno passato, a Firenze i prezzi degli immobili sono oscillati da un minimo di 2260 euro mq ad un massimo di 4900 in centro, mentre in semicentro da un minimo di 1980 ad un massimo di 3900 e in periferia da 1600 a 3000 euro mq. Questi i dati forniti dalla quinta edizione della pubblicazione del Borsino Immobiliare di Confedilizia che emergono dalla media della rilevazione dei due semestri del 2009: i valori minimi sono riferiti ad immobili da ristrutturare completamente, i valori massimi ad immobili nuovi o ristrutturati.

Confrontandoli con altre città si segnala che fra i valori massimi di compravendita, per le zone centrali,  ci sono Venezia (con una media di 9.570 euro al metro quadro), Roma (8.000 euro mq) e Milano (7.570 euro mq); per le zone semi centrali, Venezia (6.300 euro mq), Milano (5.100 euro mq) e Roma (4.800 euro mq); per le zone periferiche, Venezia (3.900 euro mq), Roma (3.800 euro mq) e Siena (3.500 euro mq).

Le previsioni del Borsino immobiliare della Confedilizia – che redige i propri dati in base alle informazioni che vengono raccolte attraverso le rilevazioni di oltre 200 sedi territoriali – sono per una ripresa del mercato immobiliare nella seconda metà del 2010 a partire dalle grandi città, e solo successivamente e gradualmente nei centri minori – sia dal punto di vista del numero delle transazioni (che per il 2009 dovrebbero attestarsi su una cifra vicina alle 600.000) sia dal punto di vista del livello dei prezzi. Fino ad allora, il mercato dovrebbe manifestare una certa stabilità sia in termini di numero di compravendite sia in termini di prezzi.

A giudizio della Confedilizia, la ripresa potrebbe essere anticipata o rafforzata se si verificassero alcuni interventi legislativi attesi da tempo: primo fra tutti quello dell’introduzione di una tassazione sostitutiva dei redditi da locazione (la cosiddetta cedolare secca) che, insieme con le rinnovate agevolazioni per le ristrutturazioni edilizie e con i Piani casa regionali attualmente in fase di avvio  costituirebbe una formidabile iniezione di fiducia per gli investitori in edilizia.

“Dal 2007 a oggi c’è stata una flessione del numero di compravendite del 30-35% e questo è un dato molto grave – ha precisato Alessandro Nosei amministratore delegato del Salone Immobiliare -. Un elemento positivo che invece abbiamo riscontrato in questi cinque anni, da quando abbiamo iniziato a svolgere la nostra manifestazione è l’attenzione dei consumatori al risparmio energetico: per avere case costruite secondo criteri di bioedilizia e a ridotti costi energetici sono disposti a pagare fino ad un 5% in più sul costo dell’immobile”, ha concluso Nosei. 

Fabio Giorgetti, consigliere delegato del Salone Immobiliare di Firenze auspica invece un’azione congiunta fra gli attori principali del settore: “In questo delicato momento economico sentiamo l’esigenza di creare una sinergia fra le tre realtà protagoniste del Salone: le banche devono manifestare la loro presenza sul territorio e la propensione all’erogazione dei mutui nell’unico evento del settore immobiliare a livello regionale,  le agenzie immobiliari più strutturate, che hanno sorpassato il momento di crisi, devono buttarsi alle spalle l’anno appena concluso e ripartire, e i costruttori edili che, nonostante  un momento non facile, invito a puntare sulla presenza in fiera e sulla partnership con le tre associazioni di categoria (Ance, Legacoop e Confcooperative)”. 

“Stiamo lavorando perché il Salone diventi un momento di condivisione delle istituzioni pubbliche fiorentine per presentare le proprie linee d’azione sul territorio”, ha concluso Giorgetti.

A completamento dell’offerta immobiliare, quest’anno, è prevista inoltre una forte partecipazione istituzionale alla manifestazione che quest’anno ospiterà l’Ordine dei Notai e dei Geometri, la Camera di Commercio di Firenze con la Borsa Toscana, Adusbef (Associazione difesa consumatori e utenti bancari, finanziari e assicurativi) e l’Agenzia fiorentina per l’Energia. Gli enti offriranno consulenze gratuite a tutti i visitatori, oltre a proporre seminari e approfondimenti legati alle tematiche del settore immobiliare. 

Inoltre, fra le novità di quest’edizione, da segnalare il primo Matchmaking Italia-Russia organizzato da Promofirenze, Azienda Speciale della CCIAA di Firenze e membro di Enterprise Europe Network, in collaborazione con Borsa Toscana Immobiliare.

L’iniziativa è dedicata al settore della proprietà immobiliare, al fine di promuovere le opportunità di investimento presenti sul territorio e si svolgerà  tra l’11 e il 13 marzo 2010 attraverso workshop di incontri B2B fra operatori russi interessati ad opportunità localizzative e di investimento e le agenzie interessate. Gli incontri saranno organizzati secondo un’agenda prefissata di appuntamenti a cui potranno seguire,  su richiesta degli operatori russi, visite alle opportunità di investimento.

L’ingresso è gratuito

Orario:
Giovedì e Venerdì: 15 – 21
Sabato e Domenica: 10- 21

Copyright © - Riproduzione riservata
Salone Immobiliare di Firenze Edilone.it