A Bari il primo laboratorio del Sud per la certificazione e lo sviluppo dei prodotti dell'involucro edilizio | Edilone.it

A Bari il primo laboratorio del Sud per la certificazione e lo sviluppo dei prodotti dell’involucro edilizio

image_pdf

A Bari il primo laboratorio del Sud per la certificazione e lo sviluppo dei prodotti dell’involucro edilizio

Venerdì 24 giugno, presso la sezione di Bari del Consiglio Nazionale delle Ricerche [Strada Crocifisso 2/b] l’ITC-CNR, in collaborazione con Uncsaal –l’Unione confindustriale dell’involucro edilizio, ha inaugurato di fronte ad oltre un centinaio di imprenditori il Laboratorio di ricerca e certificazione per la Marcatura CE.
Il Centro per la ricerca e la certificazione per la Marcatura CE di Bari rappresenta il primo laboratorio espressamente ideato per le esigenze dell’industria dell’involucro edilizio del Mezzogiorno – un comparto che a livello nazionale rappresenta 2.328 milioni di euro di fatturato e nel Sud d’Italia [Abruzzo, Campania, Puglia, Calabria, Basilicata, Molise e Sicilia] annovera alcune fra le più dinamiche e innovative realtà industriali che esprimono una quota del 31% dell’intera produzione nazionale.
Il Laboratorio di Bari risponde a due esigenze primarie, mettere in condizione tutti gli operatori del settore a condurre i test sui serramenti utili per l’acquisizione della marcatura CE che la norma armonizzata prEN14351-1, a supporto della Direttiva riguardante i Prodotti da Costruzione renderà presto obbligatoria, e –soprattutto- offrire all’industria gli strumenti e le competenze necessarie per la ricerca e la sperimentazione utili all’innovazione tecnologica dei prodotti.
Nel corso della presentazione l’ing. Valter Esposti, direttore dell’ITC-CNR, ha sottolineato l’importanza della collaborazione fra l’Istituto e l’industria del settore che ha già portato a risultati significativi per l’Istituto e per le imprese. “Il significato dell’iniziativa ITC a Bari –ha detto Esposti- è quello di iniziare un rapporto di collaborazione con l’industria delle costruzioni locali , rendendo ad essa servizi qualificati di cui ha bisogno, per arrivare a sviluppare insieme ricerca applicata”. Non a caso l’iniziativa riguarda un campo, quello dell’involucro dove la sfida europea legata alla Direttiva “Prodotti da Costruzione” è ormai alle porte e dove moltissime sono le aziende presenti al Sud. “ Lavorare insieme- ha detto Esposti agli imprenditori intervenuti – migliora la nostra ricerca e la vostra competitività. Diteci le vostre esigenze di ricerca e di servizio qualificato : vi risponderemo direttamente o indicandovi chi può risolverle se non lo possiamo fare noi ”
In chiusura Pietro Gimelli, direttore generale dell’Uncsaal, ha sottolineato come questa iniziativa sia un tassello importante per portare al sistema imprenditoriale del sud dell’Italia gli strumenti per attivare in loco i processi di qualificazione, ricerca e certificazione che consentiranno al sistema Italia di rinnovare e rafforzare la propria competitività.

Per informazioni: www.uncsaal.it

Copyright © - Riproduzione riservata
A Bari il primo laboratorio del Sud per la certificazione e lo sviluppo dei prodotti dell’involucro edilizio Edilone.it