Espansione per il Wiesner Building di Boston: il luogo che crea il futuro | Edilone.it

Espansione per il Wiesner Building di Boston: il luogo che crea il futuro

wpid-MediaLab.jpg
image_pdf

Sarà realizzato un nuovo edificio destinato ad integrare il Wiesner Building di I. M. Pei – attuale sede del MIT (Massachusetts Institute of Technology di Boston) Media Lab. Dovrà ospitare circa 300 ricercatori con l’intento di facilitare la loro attività ed incoraggiare lo studio interdisciplinare. Il Media Lab fu creato negli anni Ottanta da Nicholas Negroponte, che lo presiede, e dall’ex presidente del Mit Jerome Wiesner, allo scopo di mettere a punto nuove tecniche di comunicazione. Progettato dall’architetto della Piramide del Louvre, I.M. Pei, l’edificio che lo ospita, il Wiesner Building, sta per subire un ampliamento, che porterà al raddoppio degli spazi di lavoro. La firma, stavolta, è del progettista giapponese Fumihiko Maki.

Nella sede del Wiesner Building, alcuni tra i migliori cervelli al mondo esplorano senza tregua le nuove frontiere della scienza. In questi laboratori è stata realizzata per la prima volta la sintesi chimica della penicillina e della vitamina A, la messa a punto dei sistemi di navigazione dei missili e delle memorie magnetiche dei computer. Ma non solo: larghissima parte dela tecnologia attualmente in uso nelle nostre case, strade o ospedali, proviene dai suoi laboratori.

Assieme alle attività svolte nell’ambito attuale Wiesner Building (designed by MIT alumnus I. M. Pei), la struttura accoglierà anche quelle di altre istituzioni: List Visual Arts Center, School of Architecture + Planning’s Design Lab and Center for Advanced Visual Studies, Department of Architecture’s Visual Arts Program.

Per dare spazio a ciascuna di esse, il nuovo edificio, la cui superficie complessiva dovrebbe superare di poco i 15.000 mq, prevede la disposizione dei locali preposti alle rispettive funzioni intorno a un atrio ripartito in due aree, una più esterna e una più interna, messe in relazione da uno scalone. Al secondo piano saranno localizzati gli uffici amministrativi (300 mq), mentre al quarto verrà realizzata una caffetteria. Sorgeranno sette laboratori (di superficie variabile tra i 460 e i 790 mq), distribuiti su sei piani con andamento sfalzato – il primo livello di un laboratorio posto in corrispondenza del secondo livello del laboratorio adiacente.

Otto sale riunioni e frequenti percorsi di collegamento saranno messi a disposizione dei gruppi di ricerca sulle arti visive e i mezzi di comunicazione, al fine di consentire la massima flessibilità e lo spostamento delle persone.

Per ulteriori informazioni, si può consultare il sito:
http://expansion.media.mit.edu/

Copyright © - Riproduzione riservata
Espansione per il Wiesner Building di Boston: il luogo che crea il futuro Edilone.it