Energie per la ricerca, anche uno studio sulla sicurezza nei cantieri tra i progetti scelti | Edilone.it

Energie per la ricerca, anche uno studio sulla sicurezza nei cantieri tra i progetti scelti

wpid-17693_ricercatore.jpg
image_pdf

Lo studio intitolato “Programma per l’implementazione dei sistemi di gestione per la sicurezza dei cantieri” di Valeria Pollastro dell’Università degli Studi di Napoli Federico II è stato inserito tra i 20 progetti vincitori del bando “Energie per la Ricerca”, promosso dalla Fondazione Centro Studi Enel e dalla Fondazione Crui (Conferenza dei Rettori delle Università Italiane). I 20 progetti selezionati otterranno un contributo di 15 mila euro per la realizzazione degli studi, e per alcuni di loro ci sarà anche la possibilità di collaborare con le divisioni del Gruppo Enel.

Svariati gli ambiti di intervento per i progetti selezionati, molti dei quali si muovono in ambiti come edilizia efficiente, energia e nuove reti di generazione, ma anche mobilità elettrica e qualità dell’aria, bioclimatica e nucleare. Ai giovani laureati e dottori di ricerca interessati a ottenere il finanziamento è stato chiesto di presentare un progetto che poteva spaziare in diversi ambiti, definiti da 20 aree tematiche: dalle fonti rinnovabili alla responsabilità sociale di impresa, passando per l’impatto economico della produzione energetica. A scegliere i progetti selezionati, tra circa 300 domande arrivate da oltre 50 atenei italiani, una commissione composta da rappresentanti della Fondazione Enel e della Fondazione Crui.

Analizzando la composizione della graduatoria finale, emerge la predominanza delle ricercatrici donne, con 16 progetti su 20. Da rilevare, inoltre, che il tema “Sicurezza nei cantieri” ha ricevuto 2 dei 20 premi assegnati.

Di seguito, la lista dei 20 ricercatori e progetti selezionati. Ulteriori informazioni sono disponibili qui.

  • Chiara Lodi dell’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia: “Guida alle misure di sostenibilità ambientale per gli Atenei: best practice e criticità”;

  • Fabio Disconzi dell’Università degli Studi di Padova: “Gli strumenti Gis a supporto della redazione dei piani clima locali”;

  • Alain Tcheukam dell’Imt Lucca: “Modelli di mercato formali per reti elettriche intelligenti”;

  • Valeria Leonarda Scarano del Politecnico di Bari: “Smart grid e rinnovabili: analisi di best practice e opzioni di sviluppo”;

  • Davide Contu dell’Università degli Studi di Cagliari: “Addio o a presto? Determinazione degli atteggiamenti verso l’energia nucleare in Italia dopo Fukushima”;

  • Valeria Branciforti del Politecnico di Torino: “Uso razionale di energia e materia in siti produttivi”;

  • Serena Andriulo dell’Università del Salento: “Gestione snella della sicurezza nei cantieri: studio di fattibilità per l’applicazione di tecnologie Rfid e Mobile based”;

  • Valeria Pollastro dell’Università degli Studi di Napoli Federico II: “Programma per l’implementazione dei sistemi di gestione per la sicurezza dei cantieri”;

  • Elena Ricci dell’Università degli studi di Milano: “Strategie di demand response per lo sviluppo di una rete elettrica “smart” e la promozione di comportamenti energetici smart – Dream”;

  • Mariella Leporini dell’Università Politecnica delle Marche: “Double green panel”;

  • Roberta Fantasia dell’Università degli Studi di Roma La Sapienza: “Responsabilità sociale e gestione del rischio di impresa: verso la definizione di un modello integrato di analisi”;

  • Antonella Maiello della Scuola Superiore Sant’Anna: “Dalla misurazione del valore alla co-produzione di valore: lo stakeholder management nell’industria elettrica. Europa e America Latina a confronto”;

  • Simone Vantini del Politecnico di Milano: “ElectrisK”;

  • Silvia Zanolin dell’Università degli Studi di Trieste: “Valutazione dell’impatto socio-economico dell’ingresso di Enel nei mercati energetici latinoamericani: il caso del Cile”;

  • Nicole Lazzerini dell’Università degli Studi di Firenze: “Indagine sul recepimento della Direttiva 2001/80/CE in sette Stati membri: analisi degli aspetti problematici e ricerca di soluzioni innovative che incrementino l’effettività e l’efficienza delle misure nazionali di attuazione, anche attraverso l’individuazione di best practices”;

  • Giulia Trombini dell’Università Ca’ Foscari Venezia: “Analisi e valorizzazione dei brevetti nel campo della mobilità elettrica”;

  • Katia Barbera dell’Università degli Studi di Messina: “Conversione ‘One-step’ della Co2 in dimetilcarbonato mediante approccio foto-elettrochimico”;

  • Giorgia Peri dell’Università degli Studi di Palermo: “La via bioclimatica per l’efficienza energetica ed il comfort nel terziario. Analisi comparativa degli effetti prodotti dalle coperture a verde”;

  • Marianna Calia dell’Università degli Studi della Basilicata: “Linee guida per la qualità urbana e la progettazione sostenibile a Guangzhou”.

università; energie per la ricerca; ricercatori

Copyright © - Riproduzione riservata
Energie per la ricerca, anche uno studio sulla sicurezza nei cantieri tra i progetti scelti Edilone.it