La direttiva sull'efficienza energetica ha il via libera | Edilone.it

La direttiva sull’efficienza energetica ha il via libera

wpid-12253_ef.jpg
image_pdf

Il Parlamento europeo ha dato il via libera, con 632 voti a favore, 25 contrari e 19 astensioni, alla direttiva sull’efficienza energetica, che entrerà in vigore 20 giorni dopo la sua pubblicazione nella Gazzetta ufficiale, mentre gli Stati membri avranno 18 mesi per recepirla nei rispettivi ordinamenti nazionali.

La direttiva punta a ridurre il consumo di energia del 20% al 2020 – con un risparmio stimato in 50 miliardi di euro l’anno – e introduce misure obbligatorie di risparmio energetico, tra cui la ristrutturazione degli edifici pubblici, e prevede sistemi di risparmio energetico per le utility, audit energetici per tutte le imprese di grandi dimensioni.

La direttiva richiede agli Stati membri di rinnovare il 3% della superficie totale degli edifici pubblici con metratura utile totale di oltre 500 metri quadrati e, a partire da luglio 2015, di oltre 250 metri quadrati.

Sul fronte delle utility energetiche, queste ultime saranno tenute a rispettare, nel periodo 2014-2020, un obiettivo annuale di risparmio energetico equivalente almeno all’1,5% del totale dell’energia venduta ai consumatori finali, sulla base della media dei consumi dei tre anni precedenti all’entrata in vigore della direttiva. Le vendite di energia utilizzata nei trasporti possono essere esclusi e sono consentite vie alternative per conseguire risparmi energetici equivalenti.

Tutte le grandi imprese dovranno sottoporsi a un audit energetico. Tali controlli dovranno iniziare entro tre anni dall’entrata in vigore della direttiva e devono essere effettuati ogni quattro anni da esperti qualificati e accreditati. Le piccole e medie imprese sono escluse da tale obbligo.

Per quanto riguarda gli impianti, la direttiva include disposizioni speciali per la creazione di strumenti di finanziamento per le misure di efficienza energetica. Gli Stati membri dovranno facilitare la creazione di queste strutture o l’utilizzo di quelle esistenti.

O.O.

Copyright © - Riproduzione riservata
La direttiva sull’efficienza energetica ha il via libera Edilone.it