Come ridurre i consumi energetici negli edifici nel 2050 | Edilone.it

Come ridurre i consumi energetici negli edifici nel 2050

wpid-8934_incentivisolaretermicostrutturali.jpg
image_pdf

La domanda di calore conta per il 47% dei consumi energetici mondiali, contro il 17% determinato dall’elettricità, il 27% dato dai trasporti e il restante 9% che riguarda combustibili impiegati per scopi non energetici, ad esempio come materia base per l’industria chimica.
Secondo l’International Energy Agency occorre predisporre una nuova tabella di marcia per risparmiare energia e un abbattimento di si potrebbe avere con delle giuste politiche che promuovono il riscaldamento e il raffreddamento tecnologie a basso consumo energetico e che emettono poca o alcuna CO2.

Le emissioni di Co2 dovute ai consumi per il riscaldamento e il raffreddamento degli edifici rappresenta attualmente circa un terzo del consumo totale energia.

Tecnologie come il solare termico, le pompe di calore, l’immagazzinamento di energia termica e la produzione combinata di calore ed energia per gli edifici hanno il potenziale per ridurre le emissioni di CO2 fino a 2 miliardi di tonnellate (Gt) entro il 2050 – circa un quarto delle emissioni degli edifici di oggi – e risparmiare 710 milioni di tonnellate di petrolio (tep) entro il 2050.

L’AIE ha preparato la roadmap in consultazione con rappresentanti del governo, dell’industria, del mondo accademico e delle organizzazioni non governative. Il documento fornisce una panoramica dello stato attuale degli impianti degli edifici e le relative emissioni e delinea un corso da seguire per ampliare la diffusione di queste tecnologie entro il  2050 con l’ambizioso obiettivo di trasformare completamente il mercato del riscaldamento e del raffreddamento degli edifici.

Per far ciò occorrono delle giuste politiche. Entro il 2050, le politiche dovrebbero tagliare i combustibili fossili utilizzati per il riscaldamento e l’acqua tra il 5% e il 20% (a seconda della regione).

Nella tabella di marcia presentata dall’International Energy Agency il numero totale di pompe di calore installate nel settore residenziale dovrebbe crescere da circa 800 milioni di oggi a quasi 3,5 miliardi nel 2050, la capacità termica solare di oltre 25 volte il livello di oggi per raggiungere i 3 743 GWth entro il 2050, mentre la capacità di cogenerazione distribuita in edifici dovrebbe essere 45 volte superiore al livello di oggi, raggiungendo i 747 GWe nel 2050.

di A.U.

Copyright © - Riproduzione riservata
Come ridurre i consumi energetici negli edifici nel 2050 Edilone.it