Denver Art Museum: apre il nuovo Frederic C. Hamilton Building | Edilone.it

Denver Art Museum: apre il nuovo Frederic C. Hamilton Building

wpid-DENVER-3.jpg
image_pdf

Duplicherà la sua estensione il Denver Art Museum, il più grande museo d’arte presente tra Kansas City e San Francisco, sede di una collezione che conta oggi più di 40.000 opere. Fondato nel 1893 con una dotazione di pochi oggetti ed una disponibilità finanziaria per le acquisizioni ancora più limitata, ricevette a partire dagli anni ’30 del Novecento una serie di donazioni tali da portare nel 1964, il numero di capolavori di Denver, a ben 16.321 pezzi. E’ prevista per il 7 ottobre l’attesa apertura del nuovo edificio progettato da Daniel Libeskind e Davis Partnership Architects, che rappresenta anche la prima opera realizzata dal famoso architetto negli USA.

La costruzione originaria, realizzata nel 1971 su progetto di Gio Ponti in collaborazione con lo studio James Sudler Associates di Denver, è costituita da due edifici torreggianti, segmentati in ben ventotto lati e ricoperti esternamente con più di un milione di scintillanti piastrelle grigie, che furono appositamente disegnate da Dow Corning. Risale al 1999 l’approvazione da parte della municipalità di Denver per lo stanziamento di $ 62.5 milioni di dollari per la realizzazione di un nuovo edificio da costruire proprio di fronte a quello di Gio Ponti, collegato, ad esso e tale da portare gli spazi espositivi ad un totale di 350.000 piedi quadrati. Seguì nel luglio del 2000, la selezione effettuata dalla City Selection Committee e dai Trustees del museo dall’avveniristico progetto dell’architetto Daniel Libeskind.

L’edificio progettato dal famoso architetto polacco aggiungerà un teatro, un nuovo atrio d’accesso con caffetteria e spazi espositivi per le collezioni d’architettura e design e arte, all’interno di una struttura in acciaio e calcestruzzo rivestita di granito e titanio.

I due musei rimarranno due entità separate, collegate solo da un ponte di vetro sostenuto da una robusta trave reticolare in acciaio torchiata.
La nuova struttura pare essere nata dall’ispirazione sorta a Libeskind durante il primo volo su Denver, guardando le pieghe rocciose attraverso i vetri. La nuova costruzione ha, infatti, i corpi più alti che si sporgono come giavellotti verso la costruzione di Ponti. Nascosti dall’architettura, 3.100 travi d’acciaio. Una struttura straordinaria che ha obbligato gli operai a lavorare appesi alle travi e ai piani obliqui e scoscesi dell’edificio. Una complessa struttura autoportante che non ha precedenti negli Stati Uniti per le prove di resistenza alle pressioni del vento e del peso della neve.

All’interno, un grande atrio con una miriade di specchi che riflettono i movimenti del pubblico, evidenziando al contempo, le strutture, le pareti e le scale e mettendo tutto in relazione.

Copyright © - Riproduzione riservata
Denver Art Museum: apre il nuovo Frederic C. Hamilton Building Edilone.it