Costruttori e banche insieme per il mercato estero | Edilone.it

Costruttori e banche insieme per il mercato estero

wpid-11669_Cantieri.jpg
image_pdf

Un nuovo accordo tra banche e sistema delle costruzioni permetterà di sostenere l’internazionalizzazione delle imprese edili. A firmalo sono stati Federico Ghizzoni, ad di Unicredit e Paolo Buzzetti, presidente Ance (Associazione Nazionale Costruttori Edili), per un progetto inedito di banca-associazione che mira a sostenere le imprese che scelgono di superare i confini nazionali e sfruttare le opportunità di business nei mercati esteri.

L’intesa si inserisce nel progetto per la “Ripresa cantieri Italia”, sottoscritto un anno fa dall’Ance e da Unicredit per far fronte alla crisi economica. Il progetto prevede un plafond di 2 miliardi di euro per il finanziamento di azioni immobiliari e un osservatorio ad hoc per monitorare il mercato e favorirne la trasparenza.

Obiettivo principale dell’accordo siglato nei giorni scorsi è la possibilità per il tessuto di piccole e medie imprese italiane di attivare processi di aggregazione e l`organizzazione di missioni internazionali congiunte. Tali possibilità saranno offerte grazie alla sinergia sul territorio con la rete di Unicredit, specializzata negli investimenti esteri.

Oltre i confini italiani, le aziende edili hanno aumentato il fatturato del 150% rispetto a 7 anni fa, poiché all’estero, come ricorda Buzzetti, “la qualità e la competitività delle nostre imprese di costruzione sono riconosciute e apprezzate”. Per questa ragione “aprire il mercato estero anche alle pmi, oggi, è diventato strategico, ma è fondamentale fare squadra e presentarsi come sistema-Paese”. Solo con queste premesse, conclude il Presidente dell’Ance, “potremo vincere la sfida con i nostri competitors internazionali, sfida a cui le imprese Ance non vogliono sottrarsi”.

V.R.

Copyright © - Riproduzione riservata
Costruttori e banche insieme per il mercato estero Edilone.it