Case dell'Acqua: si diffonde un nuovo modello di distribuzione pubblica | Edilone.it

Case dell’Acqua: si diffonde un nuovo modello di distribuzione pubblica

wpid-Casa_Acqua.jpg
image_pdf

Sono impianti per la produzione e distribuzione di acqua naturale e gassata a vantaggio della collettività, il cui progetto tecnologicamente avanzato, ideato dalla società TASM, è ora in via di sperimentazione sotto il Patrocinio del Ministero dell’Ambiente. Zone dell’interland milanese ne sono già dotate, ma si prevedono a breve altre aperture.

Concretamente, il progetto prevede la realizzazione di un locale chiuso contenente le apparecchiature produttive ed un portico o una pensilina, ove sono ubicati i due erogatori di distribuzione dell’acqua da cui è possibile attingere acqua sia normale, che gassata, refrigerata o a temperatura ambiente: il tutto gratuitamente. La fontana di acqua potabile è realizzata in calcestruzzo armato di acciaio zigrinato e zincato; l’impasto è composto da cemento, graniglia di marmo, fibre sintetiche, additivi superfluidificanti e gettato in casseforme vibrate ad alta frequenza; la superficie è liscia e trattata con idrorepellente “a scomparsa”. Inoltre, la fontana d’acqua è dotata di impianto idraulico e rubinetto a pulsante in ottone.

L’erogazione verrà attivata con un tasto elettronico in acciaio INOX.

Tra le caratteristiche strutturali, il progetto prevede anche le coperture alternativamente con una parte di tetto a falda con struttura in latero-cemento e tegumento protettivo in tegole “portoghesi” anticati ed una parte a copertura piana con struttura in latero-cemento; le lattonerie saranno realizzate mediante lastre di rame spessore 8/10.

Le facciate delle Case dell’Acqua saranno rivestite mediante intonaco murale da esterno, alternativamente di tonalità giallo e verde, oppure in listelli sottili di laterizio “faccia a vista” di colore rosso, oppure in pietra ricostruita da rivestimento;

Il progetto Case dell’acqua nasce dall’accordo di collaborazione tra il Gruppo Tasm, Tutela Ambientale sud Milanese, e Aquellness AG, multinazionale tedesca.

L’obiettivo è promuovere il consumo dell’acqua del rubinetto, cosiddetta acqua pubblica e sensibilizzare gli utenti all’uso dell’acqua dell’acquedotto molto più sicura e controllata di quella in bottiglia. I vantaggi indotti da tali impianti di varia natura.

TASM spa ha già realizzato Case dell’Acqua nei Comuni di San Donato Milanese, Pieve Emanuele, Buccinasco, Cesano Boscone, Trezzano s/Naviglio e Corsico, ciascuna delle quali ha un consumo medio di 2.500 litri/giorno.

Per altre informazioni, consultare il sito www.casadellacqua.com

Copyright © - Riproduzione riservata
Case dell’Acqua: si diffonde un nuovo modello di distribuzione pubblica Edilone.it