Approvato dal Senato il decreto fiscale | Edilone.it

Approvato dal Senato il decreto fiscale

wpid-PalazzoMadama.jpg
image_pdf

Il Senato ha approvato definitivamente, il 23 novembre u.s., il disegno di legge di conversione del decreto legge n. 262 recante disposizioni urgenti in materia tributaria e finanziaria già approvato dalla Camera dei deputati il 27 ottobre 2006 e trasmesso dal Presidente della Camera dei deputati alla Presidenzanella stessa giornata in prima lettura. Il risultato è stato conseguito dopo che la maggioranza ha respinto tutte le proposte di modifica avanzate dalla Casa delle Libertà approvando il provvedimento senza modifiche e senza dover fare ricorso al voto di fiducia. I voti favorevoli sono stati 162, i contrari 155. Nessun astenuto. Ora il decreto fiscale, che contribuisce alla manovra finanziaria con misure per 6,7 miliardi, è legge. Numerose le novità introdotte dal provvedimento, che vanno dagli scontrini alla tassa di successione, passando per il bollo dell’auto.

Menzioniamo di seguito le principali misure che trasversalmente interessano il settore edile, tra tutte quelle contenute nel decreto fiscale.

Successioni e donazioni: Franchigia da un milione di euro per i coniugi e i figli, valevole per ciascun erede diretto. Per i beni immobiliari,il riferimento è il valore catastale. Le aliquote da applicare sull’imposta sono:
– 4%, per la parte eccedente la franchigia di 1 milione, per il coniuge e i parenti in linea diretta;
– 6% per parenti in linea collaterale fino al quarto grado e affini fino al terzo;
– 8% per tutti gli altri.
Accolto un ordine del giorno che impegna il governo ad alleggerire (introducendo la franchigia) anche le successioni tra i fratelli, sui parenti handicappati (con aliquote ridotte) e sulle imprese agricole (con previsioni di agevolazioni).

– Autostrade: Cambiano le norme per le concessionarie autostradali. Accolta una modifica, rispetto al testo iniziale, che va incontro alle richieste di Bruxelles, ovvero l’abolizione del tetto del 5% posto per il voto dei costruttori che partecipano alle società concessionarie. Anche per questa norma, come per le successioni, si dovrebbero fare approfondimenti in sede di Finanziaria.

Duty-free: Uffici e negozi situati in stazioni e aeroporti da ora in poi pagheranno l’Ici.

– Oratori: Aumenta del 40% il moltiplicatore delle rendite catastali,ai fini Ici,per pinacoteche,convitti,scuole, ospedali.

Infrastrutture: Una parte delle risorse destinate alla costruzione del ponte sullo stretto, circa 50 milioni di euro, saranno destinate per il 70% alla realizzazione di strade in Sicilia, per il 30% alla Calabria.

Trasporto Pubblico Locale: Nasce un Fondo (100 milioni di euro per il prossimo triennio) con l’obiettivo di potenziare il settore, soprattutto sotto il profilo della sicurezza.

Copyright © - Riproduzione riservata
Approvato dal Senato il decreto fiscale Edilone.it