Toscana: 4 MLd per migliorare le infrastrutture | Edilone.it

Toscana: 4 MLd per migliorare le infrastrutture

wpid-autostrade_01.jpg
image_pdf

La rete autostradale Toscana sarà potenziata ed adeguata grazie ad un investimento complessivo di 4 miliardi di Euro, secondo quanto previsto dalla Convenzione Unica firmata ieri 2 ottobre. L’annuncio è stato fatto a Firenze da Gennarino Tozzi, Direttore Operativo Sviluppo Rete di Autostrade per l’Italia, in occasione della seconda tappa del nuovo ciclo di appuntamenti denominato “Cantieri Aperti“.

Durante l’incontro, Autostrade ha ribadito l’impegno a portare avanti i progetti in corso e il rilievo di quelli già completati in Toscana come: la Terza Corsia sul tratto Firenze Nord – Scandicci in entrambe le direzioni, i caselli di Scandicci e Capannoni, importanti per la viabilità dell’hinterland fiorentino.

L’opera più importante è la Variante di Valico; porterà la riduzione dei tempi di percorrenza tra Bologna e Firenze e gioverà alla mobilità di tutto il Paese, ovvero il potenziamento dell’Autostrada che nel tratto appenninico Toscano va, per 14 km, da Poggiolino a Barberino.

L’utilizzo delle più sofisticate tecniche ingegneristiche per la costruzione della Variante di Valico, che si sviluppa all’interno di uno scenario ambientale molto diversificato e complesso, è evidente nella realizzazione della Galleria di Base, l’opera senza dubbio più rappresentativa della Variante di Valico. Si tratta di un tunnel a carreggiate separate, 160 mq di sezione e lungo circa 8,6 km, che unirà le regioni Emilia Romagna e Toscana, congiungendo la futura area di servizio di Badia Nuova a Nord con il nuovo svincolo di Poggiolino. Per la sua costruzione, i cui lavori procedono senza intoppi, è previsto un investimento di circa 800 milioni di Euro, lungo una tratta di 11,2 km. Nel 2010 è previsto il termine dei lavori e a questi seguirà l’esecuzione degli impianti elettromeccanici che si concluderà all’inizio del 2012.

Oltre alla Variante di Valico, attualmente Autostrade per l’Italia ha in cantiere ulteriori grandi progetti, quali ad esempio l’ampliamento della 3° corsia nell’intero tratto di 57 km tra Barberino e Incisa sulla A1, articolati in diversi lotti con un differente stato di avanzamento dei lavori e degli iter approvativi.

Autostrade, direttamente o in consorzio con altre importanti società, si è impegnata a realizzare:

– il completamento della A12 tra Livorno e Civitavecchia,

– e la bretella tra Lastra a Signa-Prato non meno fondamentale per la mobilità locale e necessaria per il collegamento tra l’interporto di Prato e la Fi-Pi-Li.

Nel ruolo di prestatore di servizi Autostrade, tramite la controllata Autostrade Service, gestisce il contratto di Global Service per la cosiddetta strada di grande comunicazione Firenze – Pisa – Livorno (Fi-Pi-Li), un’infrastruttura che per 100 km attraversa la dorsale tirrenica collegando 3 importanti centri urbani. Gestisce inoltre in Global Service la manutenzione ordinaria e straordinaria di circa un quarto della rete stradale della provincia di Firenze, per un totale di 330 km.

Attraverso l’intero ciclo del programma “Cantieri Aperti”, Autostrade per l’Italia si propone di fornire informazioni precise, efficaci e costantemente aggiornate sulle nuove opere, sia in corso che programmate, e dei relativi impegni economici che a livello nazionale, dopo la firma della Convenzione Unica lo scorso giugno, sono pari a circa 18 miliardi di euro.

“Cantieri Aperti” interessa 8 Regioni: Lazio, Lombardia, Valle d’Aosta, Emilia-Romagna, Toscana, Marche, Campania e Liguria.

Per altre informazioni, consultare il sito www.autostrade.it

Copyright © - Riproduzione riservata
Toscana: 4 MLd per migliorare le infrastrutture Edilone.it