Stazioni appaltanti ferme con i pagamenti | Edilone.it

Stazioni appaltanti ferme con i pagamenti

wpid-5459_dfdfdsfcantieredasdd.jpg
image_pdf

A lanciare l’allarme è Aniem, che denuncia la grave situazione causata dalla poca chiarezza sulla tracciabilità dei flussi finanziari del piano straordinario contro le mafie.

In un periodo di crisi in cui i danni causati dallo stallo in cui giace il settore ammontano a 450 milioni di euro, Dino Piacentini, presidente dell’Associazione nazionale delle imprese edili, chiede con urgenza una circolare dell’Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici che contenga linee guida operative. “Le stazioni appaltanti non possono più attendere nel dare indicazioni agli appaltatori e i subappaltatori – afferma Piacentini -. Ci vengono segnalati blocchi dei pagamenti e dilazioni nella firma dei contratti e dei subcontratti (anche relativi a forniture) in tutta Italia”.

Aniem auspica un intervento normativo che introduca una disciplina transitoria
, in grado di dare respiro alle stazioni appaltanti e alle imprese favorendo un’applicazione graduale delle nuove disposizioni. “Le imprese sono allo sbando – aggiunge il presidente Piacentini – e nell’incertezza più assoluta. In assenza di urgenti criteri applicativi si rischia la paralisi di un intero sistema economico, che si riflette inevitabilmente su occupazione e legalità”.

Copyright © - Riproduzione riservata
Stazioni appaltanti ferme con i pagamenti Edilone.it