Stazione unica appaltante: via libera al decreto | Edilone.it

Stazione unica appaltante: via libera al decreto

wpid-9309_staz.jpg
image_pdf

È stato firmato dal Presidente del Consiglio dei Ministri, Silvio Berlusconi, e dai ministri Maroni, Alfano, Romani, Matteoli, Sacconi, Fitto e Brunetta il DPCM sulla Stazione Unica Appaltante (SUA), previsto dall’articolo 13 del Piano straordinario contro le mafie.

Il decreto promuove l’istituzione in ambito regionale di una o più stazioni uniche appaltanti, al fine di contrastare in modo più incisivo i tentativi di infiltrazione mafiosa nelle gare di appalto. Tra gli obiettivi, anche quello di favorire la trasparenza dei contratti e il rispetto della normativa sulla sicurezza nei luoghi di lavoro, velocizzare le procedure e ottimizzare le risorse.

In pratica viene attribuito alla SUA il compito di gestire la procedura di gara di lavori, forniture e servizi affidata dall’ente aderente – dalla predisposizione degli atti fino all’aggiudicazione -. Dovrà dunque collaborare con quest’ultimo, per l’individuazione dei contenuti dello schema del contratto, concordare la procedura per la scelta del contraente, definire il criterio di aggiudicazione e collaborare nella scelta dei capitolati. È inoltre compito della Stazione Unica Appaltante redigere gli atti di gara, definire i criteri per la valutazione delle offerte e le verifiche sul possesso dei requisiti.

Alla Stazione Unica Appaltante potranno aderire in via facoltativa, attraverso una convenzione, tutte le stazioni appaltanti statali, regionali e locali, le imprese pubbliche e gli altri enti soggetti al Codice dei contratti pubblici. I rapporti tra SUA aderenti sono regolati da convenzioni che prevedono l’ambito di operatività in base agli importi di gara, le modalità di rimborso per gli oneri sostenuti e la ripartizione dei costi in caso di contenziosi.

Il provvedimento attribuisce infine un ruolo centrale nel monitoraggio sugli appalti alle Prefetture: ad esse dovranno affluire tutte le informazioni utili a prevenire le infiltrazioni della criminalità organizzata e avranno il compito di monitorare lo svolgimento della gara e di mettere a disposizione della Stazione Unica Appaltante le informazioni sulle imprese partecipanti.

O.O.

Copyright © - Riproduzione riservata
Stazione unica appaltante: via libera al decreto Edilone.it