Piani di sviluppo strategico delle città: Bolzano laboratorio d'Italia | Edilone.it

Piani di sviluppo strategico delle città: Bolzano laboratorio d’Italia

wpid-bolz_1.jpg
image_pdf

Il Consiglio Comunale di Bolzano ha approvato all’unanimità il Piano di Sviluppo Strategico 2006-2015 della Città, che la posiziona come laboratorio per il benessere di riferimento in Italia e in Europa e sancisce l’obiettivo di creare valore e sviluppo economico da attività legate alla qualità della vita e all’innovazione.

Il Piano segna il percorso di sviluppo della città nel prossimo decennio, attraverso l’individuazione di 65 obiettivi strategici che mirano a innalzare ulteriormente la qualità della vita nell’area, creando iniziative e ricadute economiche positive in settori cruciali fra cui l’ambiente, l’energia compatibile, i trasporti innovativi per merci e persone, l’eccellenza amministrativa, l’edilizia compatibile, la gestione innovativa dei tempi della città, la salute dei cittadini.
Fra le iniziative principali, la riqualificazione urbana dell’areale ferroviario, con un investimento da 360 milioni di euro, e l’istituzione dell’Agenzia di Sviluppo territoriale che coordinerà l’attività di attrazione degli investimenti.

Obiettivo fondamentale infatti è anche aumentare la capacità di attrarre investimenti e insediamenti di imprese: uno studio di Ambrosetti sull’attrattività economica potenziale di Bolzano e provincia, infatti, stima un possibile aumento del PIL di 2329 milioni di Euro a fronte di un’attrazione di 479 milioni di Euro d’investimenti diretti esteri.

Quattro sono le aree d’intervento ufficialmente individuate dal Piano Strategico
: “Creare Valore” (politiche di sviluppo economico ed occupazionale, delle infrastrutture e dell’innovazione tecnologica), “Vivere la città” (politiche del territorio, della mobilità, dell’ambiente e dei tempi), “Vivere il sociale” (politiche sociali, della famiglia, dei giovani, del tempo libero e dello sport), “Vivere la Cultura” (politiche culturali e turistiche).
Le quattro aree sottendono i 65 obiettivi strategici e numerose iniziative operative.

Nell’ambito dell’edilizia compatibile, il Comune di Bolzano è già il primo comune d’Italia a prevedere e a pretendere l’applicazione di parametri di progettazione, costruzione e utilizzo di materiali innovativi, mirati al risparmio energetico, attraverso la certificazione denominata “Casa Clima”. Sempre nello stesso ambito s’inserisce nel Piano Strategico la creazione dei Centri di Ricerca “Casa Clima” e l’attrazione di imprese innovative che operino nel campo della bio-edilizia e degli insediamenti abitativi compatibili.

Il Piano strategico individua il miglioramento della qualità della vita anche attraverso l’ottimizzazione dei tempi del sistema-città e delle dinamiche di mobilità: l’obiettivo del progetto “I tempi della città”, già avviato dal Comune negli ultimi anni, ha come fine ultimo il raddoppio del tempo libero dei cittadini entro 10 anni, attraverso iniziative di flessibilità e liberalizzazione degli orari di lavoro e dei servizi, partendo proprio dagli Uffici Pubblici e dalle Scuole.

Il Comune di Bolzano è già da anni ai vertici delle classifiche di vivibilità in Italia e in Europa, vanta un tasso di disoccupazione fra i più bassi a livello nazionale (2,7%, considerato fisiologico) e uno dei redditi procapite più alti a livello europeo (34.396 euro, fonte Eurostat). In aprile inoltre l’agenzia internazionale di rating Fitch ha confermato la valutazione ‘AA+’ con outlook stabile nei confronti Comune di Bolzano che indica affidabilità finanziaria e forte capacità di far fronte agli impegni finanziari a breve e a lungo termine, rispettando le scadenze.

Copyright © - Riproduzione riservata
Piani di sviluppo strategico delle città: Bolzano laboratorio d’Italia Edilone.it