Patrimoni pubblici: ecco le best practice | Edilone.it

Patrimoni pubblici: ecco le best practice

wpid-8925_poste.jpg
image_pdf

Nell’ambito del Quinto Forum Nazionale sui Patrimoni Immobiliari Urbani Territoriali Pubblici, promosso da Patrimoni PA net – il laboratorio fondato da Forum PA e Terotec – è stato assegnato il Premio Best Practice Patrimoni Pubblici per segnalare le esperienze più innovative promosse e sviluppate in partnership tra enti pubblici e imprese private nell’ambito della gestione e valorizzazione dei patrimoni immobiliari, urbani e territoriali pubblici.

L’obiettivo del premio è quello di favorire la promozione e la diffusione di una nuova cultura e una nuova prassi manageriale settoriale tra gli operatori pubblici e gli operatori privati, al fine di stimolare lo studio, la sperimentazione e l’adozione di nuovi e più adeguati processi di governance dei patrimoni intesi come “risorse strategiche” degli enti pubblici.

Poste Italiane si è aggiudicato il premio nella sezione  “Gestione patrimoni immobiliari” – a livello nazionale con le imprese partner CNS Consorzio Nazionale Servizi sc, Cofely Italia spa, Geico srl, Item srl, Manutencoop FM spa, Secam spa, Siram spa. La commissione ha giudicato l’esperienza “particolarmente interessante e innovativa in quanto, a fronte dell’elevata complessità del patrimonio gestito, Poste Italiane si è dotata di un evoluto sistema di facility management in grado di garantire un’ampia capacità di governo di tutte le attività manutentive, che ha consentito di migliorare la qualità dei servizi erogati e contemporaneamente di contenerne i relativi costi”.

Il patrimonio di Poste Italiane è costituito da 15 mila immobili, di proprietà o in locazione, per una superficie complessiva di circa 5 milioni di metri quadrati. Si tratta di un patrimonio molto articolato: uffici postali di varie dimensioni, grandi immobili direzionali, complessi industriali di grande superficie e volume e altri edifici industriali di media consistenza.

L’Università di Roma La Sapienza ha vinto nella sezione  “Gestione patrimoni immobiliari” – a livello urbano, in partnership con Siram spa. Al Comune di Formia è stato assegnato il riconoscimento nella sezione “Gestione patrimoni urbani” con limpresa partner Cofely Italia spa.

La Fondazione Musei Civici di Venezia ha vinto la sezione “Valorizzazione patrimoni immobiliari” in partnership impresa con CNS Consorzio Nazionale Servizi. Nella sezione “Valorizzazione patrimoni urbani” il premio è andato al Comune di Follonica e Coop. G. La Boscaglia, Sistemi Globali spa. Infine, all’Università di Catania, in partnership con Cofely Italia spa, è andato il premio nella sezione speciale “Innovazione Tecnologica”.

Il Premio Best Practice Patrimoni Pubblici ha inoltre assegnato delle “Menzioni speciali” a: Asl di Frosinone – impresa partner Siram spa; Aulss 7 di Pieve di Soligo – impresa partner Carron spa; Comune di Forlì – impresa partner Consorzio Dedalo e Regione Abruzzo – impresa partner Intermodale spa.

O.O.

Copyright © - Riproduzione riservata
Patrimoni pubblici: ecco le best practice Edilone.it