Pagamenti alle imprese: l'Ue "apre" allo sblocco | Edilone.it

Pagamenti alle imprese: l’Ue “apre” allo sblocco

wpid-14505_ritardopagamentipa.jpg
image_pdf

“Mentre il quadro normativo europeo in tema di sorveglianza di bilancio pubblico non prevede uno speciale trattamento per specifiche voci di spesa che incidono sul debito e sul deficit, il Patto di Stabilità e Crescita permette di prendere in considerazione fattori significativi in sede di valutazione della conformità del bilancio di uno Stato membro con i criteri di deficit e di debito del Patto stesso. In tale ambito, la liquidazione di debiti commerciali potrebbe rientrare tra i fattori attenuanti”.

È questo il punto centrale della nota congiunta firmata dai commissari Ue agli affari economici, Olli Rehn, e all’industria, Antonio Tajani che, per la prima volta, indica la possibilità di superare i vincoli del Patto di stabilità per i pagamenti alle imprese, che, quindi, possono essere “scontati” ai fini della vigilanza europea sui conti pubblici.

“L’alibi che per anni ha impedito alle pubbliche amministrazioni di pagare le imprese per i lavori eseguiti oggi è caduto”, è il commento del presidente dell’Ance, Paolo Buzzetti, soddisfatto per la dichiarazione di Rehn e Tajani.

Secondo il presidente dell’associazione dei costruttori edili, grazie a questa chiara presa di posizione della Commissione europea viene meno l’ostacolo che le istituzioni italiane hanno sempre invocato finora per giustificare il mancato pagamento.

“Solo pochi giorni fa  – continua Buzzetti – insieme all’Anci e a tutta la filiera del settore, abbiamo chiesto al Governo e alla Commissione di poter approvare un piano di pagamento di tutti i debiti pregressi come misura “una tantum” sul modello spagnolo. “Ora tocca al Governo e al Parlamento italiano – conclude l’Ance – seguire la strada indicata da Bruxelles e adottare un provvedimento d’urgenza per sbloccare i 19 miliardi che le imprese di costruzione attendono dalla PA e salvare migliaia di posti di lavoro”. Una richiesta che l’Ance ribadirà con forza giovedì prossimo in occasione dell’iniziativa pubblica che l’Anci ha indetto a Roma per il superamento dei vincoli del Patto e alla quale prenderà parte anche un’ampia delegazione dell’Associazione costruttori.

Copyright © - Riproduzione riservata
Pagamenti alle imprese: l’Ue “apre” allo sblocco Edilone.it