L'appello dei Comuni: "sbloccate i crediti" | Edilone.it

L’appello dei Comuni: “sbloccate i crediti”

wpid-14396_ascolipiceno.jpg
image_pdf

Con l’avvincendarsi del nuovo Governo il tema dei crediti e del blocco dei pagamenti della Pa torna a essere oggetto di dichiarazioni d’allarme da parte del mondo delle istituzioni e delle imprese. E’ di pochi giorni fa l’appello comune di un team di associazioni datoriali del mondo dell’edilizia (Ance, Anaepa Confartigianato, Cna Costruzioni, Fiae – Casartigiani, Claai, Alleanza delle Cooperative italiane, Aniem e Federcostruzioni) che invita il nuovo Governo ad affrontare subito l’annosa questione di pagamenti pregressi.

Al coro si aggiungono adesso i Comuni, in un appello che pone l’accento anche sul drammatico tema della tensione sociale connessa al debito delle imprese: “Dopo i fatti drammatici di Perugia e i tanti episodi che si susseguono oramai in tutto il Paese, chiediamo un immediato provvedimento di sblocco dei pagamenti per le opere in corso per un ammontare complessivo di circa 8/9 mld di euro”, ha dichiarato il Presidente dell’Anci (Associazione nazionale comuni italiani) Graziano Delrio.

“Le piccole e medie imprese non possono piu’ attendere”, dichiara il Presidente. “L’Italia, anche sbloccando questi pagamenti, rimarrà comunque entro il rapporto deficit Pil del 3% come richiesto da Maastricht e a differenza di tanti altri Paesi che invece lo sforeranno. Il tempo e’ adesso. Non si può più rinviare. Nei Comuni siamo stanchi di vedere chiudere le imprese per mancanza di liquidità e di accesso al credito. Almeno si paghi il dovuto a chi lavora”.

L’appello di Delrio è poi corredato dalla testimonianza diretta di due primi cittadini. Per Alessandro Cosimi, sindaco di Livorno e coordinatore delle Anci regionali, “lo sblocco dei pagamenti è una misura necessaria per far ripartire le economie locali, ma anche per chiarire le difficoltà che le imprese incontrano nelle loro relazioni con il mondo bancario”.

Anche per Castelli, delegato alla Finanza locale Anci, lo sblocco dei pagamenti non è più rinviabile. “E’ una misura emergenziale”, commenta infine Guido Castelli, sindaco di Ascoli Piceno e delegato Anci alla finanza locale, “nel momento in cui manca un programma di governo, e non si vede la possibilità di arrivare alle riforme di sistema da noi più volte richieste”.

Copyright © - Riproduzione riservata
L’appello dei Comuni: “sbloccate i crediti” Edilone.it